Lennart Czyborra in Atalanta-Brescia

Cagliari: cosa fare sulla fascia sinistra senza Czyborra?

Uno dei ruoli più difficili da riempire nella rosa di una squadra di calcio è quello del terzino sinistro. Merce rara, i mancini non sono facili da trovare sul mercato e ancora meno gli esterni difensivi che sappiano abbinare qualità difensive a spinta offensiva. Non solo le squadre medio-piccole hanno difficoltà nel riempire la casella, ma anche le più titolate devono spesso faticare e dedicare una parte importante del loro budget a un ruolo delicato.

Le alternative al momento

Il Cagliari a oggi ha in rosa due giocatori per il ruolo di terzino sinistro, Lykogiannis e Pajac. Il greco da quando è arrivato in Sardegna ha sempre svolto il ruolo del rincalzo, anche se tra altrui infortuni e una nuova vita da terzo di difesa ha raccolto abbastanza presenze in queste due stagioni e mezzo in rossoblù. L’esterno croato dal canto suo non ha mai avuto chance a Cagliari, acquistato come centrocampista è stato reinventato esterno di fascia del centrocampo a cinque nel prestito a Perugia, ruolo in cui anche nei sei mesi di Empoli si è fatto abbastanza valere. L’oblio di Genova abbinato alle difficoltà nel ruolo di terzino della difesa a quattro aprono dei dubbi sul suo futuro agli ordini di Di Francesco.

Perso Czyborra, cosa fare?

Per questo motivo la società rossoblù aveva sondato il mercato arrivando a trattare Lennart Czyborra. Da una parte il suo futuro in Sardegna apparso quasi certo dopo le parole di Giulini e Di Francesco di una settimana fa, dall’altro l’arrivo al Genoa ormai praticamente fatto. È Czyborra ad aver preferito il Grifone al Cagliari o la società rossoblù ad aver abbandonato la pista? Una domanda alla quale sarà difficile dare una risposta. Senza poter più disporre, volente o nolente, del terzino tedesco sembra difficile che il tecnico abruzzese si accontenti dei due giocatori già ai suoi ordini. Chi potrebbe allora sostituire Czyborra nel prossimo futuro? Senza entrare in discorsi di trattative che al momento non appaiono nemmeno agli albori, il primo nome che viene alla mente è quello di Nicola Murru. Il selargino ha già giocato con Di Francesco con la maglia della Sampdoria, sempre titolare nell’esperienza del tecnico ex blucerchiato all’inizio della scorsa stagione, in più risolverebbe il tema della lista da 25 essendo cresciuto nel vivaio rossoblù. In un momento in cui le uniche soluzioni appaiono i prestiti con diritto o obbligo di riscatto o l’inserimento di contropartite tecniche ad abbassare le valutazioni, Murru sarebbe una possibilità considerando anche che appare fuori dal progetto di Ranieri alla Sampdoria. Da non sottovalutare inoltre quel 25% sulla futura rivendita inserito dal Cagliari quando Murru fu venduto alla Sampdoria nel 2017 e che significherebbe un risparmio sul prezzo.

Idee e suggestioni

Pensando alla trattativa per il rientro di Nainggolan in Sardegna nella quale sarebbe coinvolto anche Alessio Cragno, i nomi che potrebbero rientrare idealmente nell’affare sarebbero quelli di Asamoah e Dimarco. Il ghanese è ai margini della squadra di Antonio Conte così come il giovane terzino ex Parma spesso associato al Cagliari nelle ultime sessioni di mercato. Asamoah, inoltre, potrebbe ricoprire anche il ruolo di mezzala in nome di quella duttilità tanto cara alla società rossoblù. Che il Napoli abbia pensato in queste settimane a Nahitan Nández non è un mistero e anche in casa partenopea non mancano le possibili contropartite tecniche. Oltre Ounas per l’attacco il nome che salta alla mente è quello di Ghoulam, terzino algerino che arriva da un brutto infortunio e sul quale i partenopei non chiuderebbero la porta. Antonio Barreca, ex rossoblù nella stagione della Serie B agli ordini di Rastelli e in forza al Monaco potrebbe essere un’altra alternativa. Qualora il club del principato tornasse alla carica per Joao Pedro, il terzino scuola Torino diventerebbe, chissà, un’ulteriore alternativa. Infine, a proposito di ritorni, Luca Pellegrini vive ancora in equilibrio precario la sua esperienza alla Juventus tra possibile inserimento in trattative e un nuovo prestito che a quel punto aprirebbe scenari identici alla scorsa estate. Suggestioni, niente di più, che però nascondono una certezza. Se Czyborra dovesse scegliere di accettare la corte del Genoa il Cagliari dovrà giocoforza andare alla caccia di un nuovo innesto sulla corsia mancina.

Matteo Zizola

AL BAR DELLO SPORT

guest
10 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Egidio Ricciardi
Egidio Ricciardi
08/09/2020 10:32

L’andamento del ns calciomercato sta dimostrando, com’era facilmente immaginabile, l’ inadeguatezza di Carta come DS, sia per la Sua mancanza di esperienza, peso specifico, carisma e conoscenze nell’ambiente, a tutti i livelli ( come calciatori e e come dirigenti) sia per il Suo totale immobilismo ed in taluni casi lentezza nel condurre le trattative. Forse dipende anche da questo se molte trattative sono sfumate o non hanno avuto seguito.

Geronimo
Geronimo
In risposta a  Egidio Ricciardi
08/09/2020 11:31

Concordo, probabilmente ha anche le mani legate. Per me DiFra sta valutando Pajac

Max
Max
07/09/2020 23:09

Non è che vendo i migliori per il terzino sinistro…

Egidio Ricciardi
Egidio Ricciardi
In risposta a  Max
08/09/2020 10:16

La penso anch’io cosi, sarebbe meno problematico prendere Mattiello, oppure come si e’ sempre detto Nagatomo!

Cecaumeno
Cecaumeno
07/09/2020 22:28

Ma perchè non riscattare Mattiello?

Lucky Luke
Lucky Luke
07/09/2020 21:23

Senza Czyborra sarà un anno poco fecondo….

Enrico
Enrico
07/09/2020 21:17

Ci siamo fatti fregare un ottimo giocatore per 500000€ da pagare tra 2 anni, che vergogna, si poteva rilanciare…

Joe Silem
Joe Silem
07/09/2020 19:29

A maggio si parlava dell’uruguaiano Matia Viña del Palmeiras. 22 anni….. e 2 milioni il suo valore

Giorgio
Giorgio
In risposta a  Joe Silem
07/09/2020 21:07

Mi son fatto la stessa domanda !

Luca
Luca
07/09/2020 19:18

Nuno Tavares Benfica..2000