Riccardo Sottil contro la Sampdoria | Foto Emanuele Perrone

Cagliari, la crescita di Sottil tra errori di gioventù e talento

Partito titolare in 5 occasioni in stagione e subentrato ad inizio ripresa contro la Sampdoria, l’esterno ex Fiorentina continua nel proprio percorso di crescita, infiammando il duello per una maglia da titolare con l’algerino Ounas.

Undici occasioni create, 108 passaggi completati, 9 cross riusciti, 10 dribbling compiuti, 8 tiri verso la porta avversaria e un gol – il primo, indimenticabile in massima serie – messo a segno nel 4-2 della Sardegna Arena contro il Crotone. Numeri che certificano l’ottimo impatto di Riccardo Sottil dopo il suo sbarco in Sardegna del 10 settembre scorso e che riassumono al meglio i 436 minuti di questa Serie A vissuti con addosso la maglia del Cagliari.

Lavorare duro per crescere e affermarsi in un campionato dove, prima del passaggio nel club di Tommaso Giulini, aveva collezionato 20 presenze con la Fiorentina: era questo il pensiero che rimbalzava insistentemente nella mente del classe ’99 sull’aereo che da Firenze lo ha trasportato direttamente nel capoluogo sardo. Impiegato nel ruolo di esterno sinistro da Eusebio Di Francesco, l’ex Viola si è conquistato la maglia da titolare in 5 occasioni, subentrando invece a 14 minuti dalla fine nel giorno dell’esordio con i quattro mori sul petto in casa del Sassuolo e disputando tutto il secondo tempo del 2-0 dell’ultimo turno contro la Sampdoria.

Staffetta

“Sottil è un giocatore importante ma ieri è stato egoista“. Parole di Tommaso Giulini, pronunciate ai microfoni di Videolina il giorno dopo il successo contro i blucerchiati di Claudio Ranieri. Qualche ripartenza sprecata e alcuni passaggi mancati, infatti, le pecche dei 45 minuti in cui il giovane esterno è comunque riuscito a imprimere la propria impronta positiva sul terreno di gioco della Sardegna Arena, facendo registrare ulteriori segnali di crescita con strappi importanti e una continua imprevedibilità sulla fascia.

Il talento della nazionale Under 21, inoltre, è stato per la prima volta ammirato in campo insieme all’algerino Adam Ounas, giocatore con cui, negli ultimi tempi, ha dato vita ad un vero e proprio duello per la conquista di una maglia da titolare nell’undici ideale di Di Francesco. Difficilmente schierabili insieme dal primo minuto – come spesso ribadito dallo stesso tecnico abruzzese – è l’ex Napoli a sembrare attualmente in vantaggio nelle gerarchie rispetto al compagno di reparto. Un distacco, quello tra i due esterni, maturato forse dopo le ottime prove dell’algerino contro Cremonese, Bologna e Sampdoria. Prestazioni che non cancellano comunque i grandi progressi di un Sottil che, lentamente, sta dimostrando sempre più il suo valore nella rosa a disposizione di Di Francesco.

Alessio Caria

 

AL BAR DELLO SPORT

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti