Marko Rog nel ritiro di Airtzo

Cagliari, è un nuovo Rog: qualità e sostanza in mezzo al campo

Il centrocampista croato, più arretrato in campo rispetto alla scorsa stagione, è uno dei grandi protagonisti del 4-2-3-1 di Di Francesco, modulo in cui funge da filtro perfetto tra attacco e difesa.

Necessario, unico, indispensabile. Marko Rog è uno di quei giocatori capaci di rappresentare una vera e propria certezza per il proprio allenatore. Un combattente vero, di quelli che ti porteresti dietro nella più difficile e sfiancante delle guerre, per intenderci. Perché lotta, non molla mai, corre tanto e si mette al totale servizio della propria squadra senza il benché minimo rumore. Come quest’anno, col nuovo 4-2-3-1 di Di Francesco che lo ha inevitabilmente costretto ad una posizione più arretrata sul terreno di gioco, allontanandolo da una porta avversaria che lo aveva visto protagonista con due reti nella scorsa stagione. La prima con addosso la maglia rossoblù dopo il suo trasferimento in Sardegna il 23 luglio del 2019.

Numeri importanti

Schierato nel ruolo di mediano accanto al rumeno Marin nelle ultime uscite contro Atalanta, Torino e Crotone, il centrocampista croato è una delle note più liete nel nuovo Cagliari del tecnico abruzzese. E i numeri rafforzano completamente questa tesi. Nono nella classifica generale dei calciatori che corrono di più in questa Serie A (graduatoria dominata dal rossoblù Nahitan Nandez) con 11203 km percorsi su un totale di 453 minuti disputati, Rog è stato fra i migliori in campo nel 4-2 della Sardegna Arena con i calabresi. 52 passaggi positivi effettuati, 4 contrasti vinti, 17 duelli ingaggiati, 5 palloni intercettati e 16 recuperati (dati Opta) le statistiche impressionanti di un giocatore capace di fare da filtro tra il reparto avanzato e quello difensivo, uscendo bene dalle situazioni di pressing avversario e facendo ripartire rapidamente le azioni di contropiede.

Secondo quanto riportato dalla piattaforma “WhoScored”, Rog ha finora fatto registrate una media di 46,2 passaggi effettuati nelle prime 5 giornate di campionato. L’87,9% di questi ultimi è stato completato con la massima precisione. Ulteriori dati che certificano il ruolo chiave del classe ’95 nella manovra dell’undici rossoblù.

Grinta e garra. E non importa se il suo raggio d’azione è stato allontanato dal portiere avversario. Rog continua a dimostrarsi sempre più pedina imprescindibile nello scacchiere tattico del Cagliari.

Alessio Caria

 

AL BAR DELLO SPORT

guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
GIUSEPPE
GIUSEPPE
03/11/2020 22:12

Nandez e Rog davanti alla difesa!!!Non ci vedo Alternative.

Giuseppe
Giuseppe
31/10/2020 18:52

Deve fare meno falli e portare meno palla. Puo’ migliorare tanto, correre un po’ meno e pensare di piu’. Non ha iniziato bene quest’anno

cazaputas42
cazaputas42
31/10/2020 15:14

Il solito Rog, fortissimo .