agenzia-garau-centotrentuno
Ragnar Klavan | Foto Alessandro Sanna

Cagliari: Klavan stenta, Ceppitelli fatica. Chi in difesa per Semplici?

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Rialzarsi dopo le ultime pesanti cadute. È l’imperativo scritto in maiuscolo nella lavagna dello spogliatoio cagliaritano dopo i K.O. con Juventus, Spezia e Verona. Tre sconfitte consecutive che hanno reso ancor più nere le nuvole che continuano pericolosamente ad oscurare il cielo sopra la Sardegna Arena.

Domenica, nel lunch match in programma alle 12.30 a San Siro, ecco per i rossoblù la proibitiva trasferta in casa dell’Inter di Antonio Conte. Lanciati verso il diciannovesimo scudetto della loro storia, i nerazzurri saranno ancora una volta guidati in avanti dal faro offensivo Romelu Lukaku, secondo nella classifica dei migliori marcatori del campionato con 20 gol all’attivo. Un attaccante straripante e simbolo della rinascita interista. Un bomber letale che Semplici spera di riuscire a contenere con l’aiuto di una difesa parsa tuttavia di nuovo in difficoltà nelle ultime uscite stagionali.

Numeri

Nove reti subite nelle ultime quattro uscite. Cinquanta, in totale, quelle incassate finora in stagione. Un dato che rende il Cagliari il quattordicesimo club più battuto della Serie A in una graduatoria che vede attualmente il Crotone bloccato all’ultimo posto con 74 centri sofferti dopo 29 turni. Numeri allarmanti per una retroguardia rossoblù che, dopo l’arrivo di Semplici in panchina, si è sempre schierata in campo con quella disposizione a tre caratteristica del modo di intendere il calcio del tecnico toscano.

Ceppitelli, Rugani, Godin. Quasi una filastrocca da ripetere a memoria per un Cagliari che contro Crotone e Bologna sembrava aver ritrovato una rincuorante solidità difensiva. Poi, invece, il nuovo crollo. Con Ceppitelli ancora fermo ai box a causa di un problema muscolare, contro il Verona è stato Klavan a raccogliere il posto da titolare occupato dal centrale italiano. Troppe, tuttavia, le difficoltà evidenziate in campo dal difensore estone, parso lontano dalla miglior condizione soprattutto nell’ultimo impegno con gli uomini di Juric e nel K.O. del Picco con lo Spezia.

Opzioni

Una sola presenza – due in totale in stagione – per Calabresi, sbarcato in Sardegna nella sessione di mercato invernale e sceso in campo per soli 3 minuti nel 2-2 all’ultimo respiro con la Sampdoria. Nessuna apparizione sul terreno di gioco, invece, per il sardo Carboni (impiegato in 6 occasioni durante l’era Di Francesco) e per Walukiewicz, titolare in 18 occasioni prima dell’ultima partita disputata in A con l’Atalanta ma mai riuscito a far propria la maglia da titolare dopo l’arrivo di Semplici in panchina. Dati che raffigurano alla perfezione il difficile momento attraversato nell’ultimo mese dai tre difensori rossoblù.

Complici i problemi fisici di Ceppitelli e un Klavan risultato poco brillante nelle ultime sfide disputate, i centrali isolani sperano ora di ritagliarsi più spazio in questo infuocato finale di campionato isolano. L’obiettivo? Rimettere minuti importanti nelle gambe e contribuire sul campo alla caccia a quel tanto sognato traguardo chiamato salvezza.

Alessio Caria

 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti