Eusebio Di Francesco nella panchina rossoblù | Foto Alessandro Sanna

Cagliari, occhio al Milan: oltre a Ibra c’è di più

Riscattare una crisi di gioco e risultati in un monday night romantico e dal valore doppio.

Dopo le quattro sconfitte consecutive in campionato e l’eliminazione negli ottavi di Coppa Italia per mano dell’Atalanta, il Cagliari di Eusebio Di Francesco ospiterà la capolista Milan nel 76esimo confronto in Serie A tra i due club. Quarantadue le vittorie totali ottenute finora dai rossoneri. Otto, invece, i successi rossoblù. L’ultimo, datato 28 maggio 2017, quando Joao Pedro e Fabio Pisacane furono principali protagonisti di un esaltante 2-1 con l’allora tecnico Massimo Rastelli in panchina.

A suon di gol

Lunedì, alla Sardegna Arena, ecco che sarà ancora una volta proprio l’attaccante brasiliano a guidare il reparto avanzato isolano. Un giocatore già capace di mettere a segno tre reti nelle precedenti cinque apparizioni con i milanesi e di imporsi come sesto miglior marcatore di questo campionato. Dieci, infatti, i centri totali collezionati dal numero 10 rossoblù. Come quel Zlatan Ibrahimovic recuperato definitivamente da Stefano Pioli dopo la lesione muscolare al polpaccio che lo aveva a lungo tenuto ai box. Quarto miglior bomber del confronto tra Cagliari e Milan con quattro gol all’attivo (alle spalle di Gigi Riva, Marco Van Basten e Pierino Prati), lo svedese è sempre andato a segno negli ultimi sei incroci con gli isolani. Un dato che, dopo Christian Vieri, lo rende il giocatore che ha trovato la via della rete nel maggior numero di occasioni contro una singola squadra. 

Opposti

La difesa rossoblù, terza peggior retroguardia del campionato con 34 gol subiti, contro la quarta formazione ad aver incassato meno reti nei primi 17 turni (19). L’attacco rossonero, terzo nel torneo (37 centri), contro quello isolano, tredicesimo (23). Ma non solo. Secondo quanto riportato dalla piattaforma Opta, il posticipo di lunedì sera sarà anche la sfida tra un Cagliari che, considerando gli Expectd Goals (occasioni da rete potenziali), è la squadra ad aver concesso più occasioni ai propri avversari (36,5) e un Milan che, al contempo, è la formazione ad aver creato più chances offensive dopo la Roma (36,5).

In attesa di ulteriori novità sul fronte mercato e dell’imminente firma di quell’Alfred Duncan pronto a rafforzare una linea mediana parsa in grande difficoltà nelle ultime uscite, Eusebio Di Francesco andrà in cerca della tanto agognata scossa contro i rossoneri. Un test proibitivo che, in caso di risultato positivo, potrebbe tuttavia invertire una rotta che, recentemente, ha invece indirizzato i rossoblù verso mari troppo tempestosi.

Alessio Caria

 
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti