Bruno Conti nella sconfitta di Firenze | Foto Ufficio Stampa Fiorentina

Cagliari Primavera insalvabile, ora serve un reset

Le nostre pagelle dopo la partita di Primavera 1 tra Fiorentina e Cagliari, sono sconfitta per i ragazzi di Agostini che ora dovranno essere bravi a riprendersi mentalmente per provare a non vivere una stagione di grandi sofferenze.

D’Aniello4 Esordio da incubo per l’ex Under 17. Prende subito un gol sotto le gambe ma sulle prime tre reti può oggettivamente poco. Poi sbaglia malamente un rinvio e causa rigore ed espulsione. Trasformando in tragedia una gara già complicatissima.

Zallu4.5 Partenza da incubo, poi prova a prendere più coraggio ma la sua prova resta insufficiente. A sua discolpa: non è un terzino. Agostini lo testa lì nel ruolo ma l’esperimento non sembra di quelli da ripetere.

Boccia5 Da lui ti aspetti di più. Dovrebbe essere il leader della squadra ma anche Boccia contro la Fiorentina molla la presa e commette tanti errori. Da giocatore più esperto dovrà essere bravo a resettare mentalmente e guidare i compagni alla ripresa.

Cusumano5 Sbaglia tanto, soprattutto nello stacco di testa sul gol da calcio d’angolo. Non era semplice però reggere l’urto contro l’attacco ispirato della viola vista oggi.

Spanu5 Tanta attesa sull’ex Muravera. Finalmente ha la sua chance ma è l’uomo giusto nel momento sbagliato. Difficile giudicarlo dopo questa trasferta a Firenze perché anche lui va spesso in apnea come tutto il gruppo.

Conti5 Chiuso benissimo dalla Fiorentina Brunetto fatica e non poco. Non riesce a dare regia a un film rossoblù che sa di horror a Firenze. I compagni non lo aiutano ad uscire dalla gabbia viola (dal 57′ Cavuoti5.5 Ha bisogno di fare esperienza e queste partite, anche se dure da mandar giù, servono per farsi le ossa).

Kourfalidis5 Agostini dopo l’esperienza fatta in Serie D a Foggia lo lancia in Primavera, ma non è la partita giusta per giudicare il ritorno del greco in Sardegna. Si vede poco, insegue tanto ed esce presto. (dal 46′ Manca5.5 Entra per dare fisicità e provare a creare qualcosa in un attacco del Cagliari che di fatto inventa nulla o quasi in avanti. Non ci riesce, ma le colpe non sono sue).

Kanyamuna5 Quando Kanyamuna fatica ad indossare la solita camicia da boscaiolo zambiano il Cagliari sa che ci sarà da soffrire. Picchia poco perché insegue tanto e i suoi non hanno filtro in mezzo.

Contini –  5 Si vede poco, non riesce a mettere il suo solito turbo. I compagni non lo accendono e lui si isola spesso dall’azione. Prova sempre a dare una mano in fase di ripiegamento ma oggi non basta (dal 64′ L. Tramoni5.5 Difficile capire che giocatore sarà il fratellino di Matteo. L’ex Ajaccio entra e prova a dare dinamismo ma quando viene mandato in campo la partita ormai è andata).

Desogus5 Stavolta non brilla come nelle recenti uscite. Fatica a unire i reparti e spesso va  sbattere contro il muro viola. Lui è l’uomo chiave per far girare la manovra rossoblù. (dal 46′ Delpupo – 5 Le grandi attese lo stanno penalizzando. Entra Delpupo e ti aspetti la magia. Descritto da tutti ad Asseminello come un grande crack per ora l’argentino sta faticando anche nelle giocate semplici).

Masala6 L’unico che prova ad accendere la scintilla. Ma stavolta i compagni non portano legna da ardere ai suoi tentativi. Poi esce, non troppo felice, per far spazio a Cabras dopo l’espulsione di D’Aniello. (dal 48′ Cabras5.5 Invidioso di D’Aniello entra anche lui per incassare dei gol dalle punte della Fiorentina. Difficile però trovare grandi colpe nelle reti subite all’ex Adriese).

All. Agostini 4 Sperimenta tanto provando a dare una scossa ma il risultato è uno dei peggiori Cagliari degli ultimi anni. A questa squadra sembra mancare tanto, tecnicamente e mentalmente. La programmazione in tempi Covid vale anche per le altre società e non può essere una scusa a lungo. Ora dovrà saper toccare le giuste corde nei suoi perché la stagione sta prendendo una piega pericolosa.

Roberto Pinna

 

AL BAR DELLO SPORT

guest
1 Commento
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Salvatore
Salvatore
18/10/2020 00:43

Squadra costruita male, raffazzonata, sembra quasi di vedere in campo ragazzi raccomandati, sicuramente non adatti per giocare a questi livelli