agenzia-garau-centotrentuno
cagliari-calcio-godin-centotrentuno-sanna

Focus I Cagliari, hai perso la testa?

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Tutta una questione di…testa.

bianchi-immobiliare-centotrentuno

E non soltanto dal punto vista “psicologico”, come dichiarato da Eusebio Di Francesco nella conferenza stampa seguita al k.o. contro il Milan a proposito dei recenti risultati negativi collezionati dal suo Cagliari. I rossoblù, infatti, occupano attualmente il dodicesimo posto nella classifica delle squadre che hanno trovato maggiormente la via del gol con questo fondamentale. Soltanto tre, finora, le reti realizzate di testa dai rossoblù. Al pari di Parma e Sassuolo. Meglio di Atalanta, Benevento, Crotone, Fiorentina, Verona e Genoa, prossimo avversario dei rossoblù nel già infuocato match di domenica pomeriggio a Marassi. Frutto di un gioco idealmente votato ad un fraseggio palla a terra e meno propenso all’impiego di passaggi alti (il Cagliari è sedicesimo per numero di cross in Serie A).

Rinforzi

Simeone nell’esordio stagionale in casa del Sassuolo, Sottil nel 4-2 della Sardegna Arena contro il Crotone e Godin nel 5-2 del Gewiss Stadium con l’Atalanta di Gianpiero Gasperini. Sono loro i tre rossoblù ad aver messo a referto un’incornata vincente nelle prime 18 giornate di questo campionato.

Sbarcato in Sardegna in estate dopo un’annata tra le fila dell’Inter, l’ariete uruguaiano ha così rafforzato le torri isolane, arricchendole con la specialità di casa. Quel colpo di testa che, dal 2010 (anno in cui è approdato nell’Atletico Madrid) ad oggi, gli ha portato in dote 24 delle 29 reti totali realizzate con le tre maglie di club indossate. Un biglietto da visita niente male per il capitano della Celeste, a caccia di continuità in maglia Cagliari dopo la positività al Covid-19 e qualche acciacco fisico che lo avevano tenuto ai box in 7 occasioni quest’anno.

Pavo assente

D’Ambrosio, Ibrahimovic e Immobile. Sono loro i tre migliori marcatori di testa del campionato (tre reti ciascuno). Giocatori che guidano una classifica in cui, attualmente, salta immediatamente all’occhio l’assenza di Leonardo Pavoletti. Abile e preciso in questo fondamentale, il bomber livornese ha realizzato l’unico gol messo a segno in stagione con uno strepitoso colpo di tacco contro lo Spezia. Tuttora alla ricerca di maggio spazio in un reparto avanzato rossoblù in cui ha totalizzato soltanto 494 minuti, il numero 30 ex Genoa spera di ritrovare il feeling col gol proprio nell’incrocio da ex col Grifone. Un match in cui spera di iscriversi in una classifica di colpitori di testa che lo ha visto spesso grande protagonista nelle ultime stagioni.

Alessio Caria

 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
sandy-sardinia-spiagge-sardegna