agenzia-garau-centotrentuno
cagliari-calcio-pavoletti-centotrentuno-sanna

Il Ring | Cagliari, meglio Pavoletti o Simeone in attacco?

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Sotto l’albero di Natale rossoblù un grande classico delle feste: Una poltrona per due. Nessuna scommessa tra borghesi però, il vincitore finale per la sedia del centravanti in casa Cagliari lo deciderà solo Di Francesco, in base alle risposte che darà il campo nei prossimi allenamenti. Ma chi al momento tra Pavoletti e Simeone deve sedere sulla poltrona dell’attacco rossoblù?

Perché Simeone

Il Cholito arriva dallo stop a causa del coronavirus. La punta argentina però ora è pronta per mettere nel mirino l’Inter. Con lui l’attacco del Cagliari sembra girare meglio, anche se nella sfida di Torino contro la Juventus è parso in evidente calo anche fisico. Lui libera gli spazi e Joao Pedro agendo con l’ex Fiorentina e Genoa sembra essere più pericoloso in zona gol. Per gli schemi offensivi di Di Francesco Simeone sembra più adatto al pressing alto, al gioco palla a terra per mettere in moto gli esterni e nei tagli in area senza per forza sfruttare dei cross alti. C’è poi l’aspetto mercato da non sottovalutare. Il Cholito è un giocatore di prospettiva, anche carta d’identità alla mano, e valorizzarlo in campo per il Cagliari può significare avere un tesoretto in casa da fare fruttare nelle successive sessioni di mercato, dopo l’importante investimento da circa 15 milioni della scorsa stagione.

Perché Pavoletti

Il centravanti livornese ha messo via di tacco e di sponda i dubbi sul suo stato fisico. Il Pavoletti che nei pochi minuti di inizio stagione appariva ancora in ritardo oggi assomiglia di più al centravanti pre infortunio. Con il compagno argentino che scalpita per tornare dopo la stop causa Covid e in sua assenza Pavoletti che ha dimostrato sia contro lo Spezia sia contro il Verona di poter sopperire alla mancanza del titolare designato. Nel breve periodo però, proprio per via della lontananza dai campi di allenamento e gioco di Simeone, Pavoletti può garantire un rendimento al di là dei pochi minuti a fine partita. Non tanto per il gol ritrovato con un gesto di fino, quanto per la gara messa in campo al Bentegodi che ha dato ampie garanzie sulla solidità fisica e sul suo apporto al gioco in aspetti diversi rispetto al compagno. Il gioco aereo e la fisicità di Pavoletti darebbero al Cagliari un elemento in più in due caratteristiche che mancano nella squadra senza dimenticare il tema spinoso dei calci piazzati. Nel lungo periodo tanto dipenderà dalle prestazioni del centravanti livornese quando chiamato in causa, dare risposte sul campo può dare più alternative a Di Francesco e Pavoletti sembra pronto.

Roberto Pinna – Matteo Zizola

 

Al bar dello sport

5 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti