agenzia-garau-centotrentuno
ragatzu-olbia-giana-centotrentuno-sanna

Le Pagelle | Pazza Olbia: Ciocci è in giornata no, ma Ragatzu fa il trascinatore

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Le nostre valutazioni sulla gara dei bianchi di Max Canzi dopo Virtus Entella-Olbia valida per la sesta giornata del girone B della Serie C 2021-22.

Ciocci 4 – Un paio di bei tuffi. Ma le note positive finiscono subito. Gara condita da un errore evidente sul secondo gol dell’Entella, quando non trattiene un pallone che sembrava facile. Anche sul primo, dove le colpe sono di tanti tra i bianchi, potrebbe fare di più. Mentre la terza rete arriva sul suo palo, anche se lui è molto coperto. Anche nel secondo tempo diverse incertezze.
La Rosa 5 – Torna e si mette a disposizione. Ma nel ruolo di terzino soffre e balla tanto. Prova a metterla sul piano delle cattive ma l’Entella sulla sua fascia passa che è un piacere. Nella ripresa quando stava prendendo un po’ le misure Canzi sceglie la spinta di Arboleda.  (dal 63′ Arboleda6 Parte dalla panchina forse come “punizione” dopo l’errore con il Cesena. Entra per spingere e lo fa bene).
Boccia 5.5 – Paga forse la tensione e la responsabilità per questa chance con Brignani espulso. Parte contratto, sbaglia diversi palloni in uscita e spesso è fuori posizione. Nel primo gol sia lui che Emerson recuperano in ritardo sull’errore di gestione di Udoh. E in generale pare poco sicuro in diverse chiusure, specie sui traversoni avversari. Poi però bisogna dare a Salvatore ciò che è di Salvatore. Nella ripresa almeno due buone chiusure e balla molto meno. Voto dato dal 5 del primo tempo e dal 6 della ripresa.
Emerson 6 – Rincorre tanto. Una condizione di gioco dove non riesce a rendere al meglio. Nel primo tempo sbaglia anche tanto in quello che dovrebbe essere il suo, come il giro palla dal basso e le punizioni in avanti. Il voto giusto sarebbe l’insufficienza ma se l’Olbia pareggia è perché il suo mancino pennella calcio e lancia Udoh per il 3-3.
Travaglini 5.5 – Prova a metterci la solita garra ma viene preso nella morsa dell’Entella che spinge da tutte le parti. Finisce per inseguire tanto anche lui. Meno bene del solito. Poi nella ripresa spinge con più costanza.
Lella 6 – In ritardo su alcune occasioni avversarie quando deve chiudere la linea di tiro. Arriva dopo in diverse seconde palle ma la colpa non è solo sua. Con la squadra costretta per gran parte della gara a rincorrere per lui fare da pendolo tra i reparti è dura. A inizio ripresa lotta come sa fare e crea l’occasione del gol di Ragatzu. (dal 75′ OcchioniSV).
Palesi 6 – Prova a dare sostanza dalla cintola in su nel primo tempo, ma anche lui è troppo leggero in fase di non possesso.
Chierico 6 – Per il primo tempo dei bianchi è l’unico che prova a dare un minimo di ordine, impostando quando ha la palla oppure menando come un fabbro quando il pallone è degli altri. Il ragazzo continua a piacere. (dall’86’ DemarcusSV)
Ragatzu 7 – Se lo tocchi si accende. L’unico per un tempo in casa Olbia che prova a cambiare inerzia alla gara. Fa l’assist da fermo e si inventa un bel tiro a giro. Poi quando la squadra ha bisogno è cinico e trova il gol che ridà la speranza.
Udoh 6 – Perde una palla sanguinosa che dà il via all’1-0 Entella. Poi sparisce dal gioco. Il suo voto sarebbe 5 ma quando un attaccante fa quello per cui viene pagato viene difficile non premiarlo. E se l’Olbia fa 3-3 a Chiavari la firma è la sua.
Mancini 6 – Laurea ad honorem anche a lui? Forse per duttilità. Si sbatte tanto, segna e prova da solo a mettere pressione alla difesa dell’Entella. Poi Canzi lo lascia in panchina nella ripresa. (dal 46′ Biancu 5 – Probabilmente non sta ancora bene fisicamente. Entra in campo ma non entra mai davvero nel gioco. Ancora non sembra il vero Biancu).

All. Canzi6 Voto che è la media del 5 (meno, meno) della sua squadra nella prima frazione di gioco e del 7 della ripresa. Gestisce bene i cambi e trova un pari che dà morale al gruppo. Ora però il gioco dei suoi ragazzi deve essere meno umorale per dare più continuità a una rosa parsa davvero divertente e pazza, ma poco costante.

Roberto Pinna

TAG:  Olbia Serie C
 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti