agenzia-garau-centotrentuno
Joao Pedro esulta dopo un gol al Crotone | Foto Emanuele Perrone

Non solo Joao contro Lautaro: quante sfide in Cagliari-Inter

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Da Cragno contro Handanovic all’incrocio tra Walukiewicz e Bastoni, passando per la sfida tra Rog e Barella. Sono tanti i possibili confronti che potrebbero infiammare il lunch match di domenica.

bianchi-immobiliare-centotrentuno
eyesportshop-linea-4-mori-centotrentuno

Meno due a Cagliari-Inter. Dopo il convincente pareggio col Verona, cresce l’attesa in casa isolana per l’importante sfida di campionato contro i nerazzurri di Conte. E in attesa di risposte positive in allenamento da parte degli appena negativizzati Simeone e Nandez, Eusebio Di Francesco sfoglia intanto la sua giovane margherita rossoblù. L’obiettivo? Ripetere l’ottima prestazione messa in campo al Bentegodi in un match che potrebbe farci assistere a tante piccole ed interessanti sfide.

In porta

Il giovane Alessio contro l’esperto Samir. Generazioni di portieri a confronto. Un duello tutto talento, parate e colpi di reni tra chi protegge i pali dell’Inter e chi, invece, è stato recentemente accostato ai nerazzurri con l’obiettivo di cominciare a costruire il dopo “Handanovic”. Intanto, Cragno si gode il suo momento d’oro in Sardegna. Quella terra che, dopo 114 presenze totali, è diventata un po’ una seconda casa. “La mia big è il Cagliari, giuro che penso solo a questo club che ha deciso di alzare l’asticella e ha appena avviato un progetto importante”, ha dichiarato da poco in un’intervista a La Gazzetta dello Sport. Parole di un giocatore divenuto, col tempo, simbolo indiscusso rossoblù.

In difesa

Contro l’Inter, nel cuore della difesa rossoblù ci sarà ancora spazio per l’ormai insostituibile Walukiewicz. Un faro giovane e di qualità nella retroguardia a quattro di Di Francesco. Il “generazione z” con più minuti sulle gambe in queste prime 10 giornate di campionato. Di fronte, in maglia nerazzurra, ecco il probabile impiego del solito Alessandro Bastoni. Un ragazzone di 190 cm per 75 kg che, come il talento rossoblù ex Pogon Szczecin, ha da poco centrato la prima presenza con la maglia della sua nazionale. Una sfida giovane e di qualità tra due difensori destinati probabilmente a scrivere pagine importanti della Serie A che verrà.

In mezzo

Per la seconda volta dopo la sua partenza direzione Milano, Cagliari si appresta ad accogliere uno dei suoi figli prediletti. Quel Nicolò Barella protagonista della recente storia rossoblù e ora punto cardine del centrocampo di Conte e di quello azzurro. Grande indiziato per una maglia da titolare, il classe ’97 cagliaritano andrebbe così ad intraprendere una sfida tutta grinta e tenacia con Marko Rog, sbarcato in Sardegna proprio nell’estate dell’addio dell’attuale numero 23 interista e pedina insostituibile nel centrocampo a due di Di Francesco.

In avanti

Quella di domenica, alla Sardegna Arena, potrebbe soprattutto convertirsi nella sfida tra due bomber simbolo delle proprie rispettive squadre. Da un lato il brasiliano Joao Pedro, protagonista in questo avvio di stagione cagliaritano con 6 reti e 2 assist. Dall’altra Lautaro Martinez, punta ferita dalla cocente eliminazione dalla Champions della sua Inter ma già capace di graffiare i rossoblù (vittima preferita in massima serie) con quattro gol in ognuna delle quattro sfide finora disputate contro i sardi. Un duello tutto sudamericano, insomma. L’ennesima sfida nella sfida nell’importante ed imminente confronto tra Cagliari e Inter.

Alessio Caria

 
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti