Robin Olsen, portiere in prestito dalla Roma

Ripresa Cagliari, anche Olsen presto a disposizione di Zenga

Continua l’avvicinamento del Cagliari alla ripresa degli allenamenti, inizialmente con delle sedute individuali, nel centro sportivo di Asseminello. Il club rossoblù dovrebbe riaprire le porte della propria casa ai giocatori lunedì 11 maggio. Una data che ha fatto, e sta facendo, rientrare sull’isola i giocatori che hanno trascorso il lockdown, o almeno una parte dell’isolamento, lontani da Cagliari.

Il rientro dei giocatori 

Il primo a fare ritorno a Cagliari è stato il difensore polacco classe 2000 Sebastian Walukiewicz. L’ex Pogon era tornato in patria a metà aprile per stare vicino alla famiglia durante la fase di stop del campionato dovuta al Covid-19 ma ha deciso spontaneamente di rientrare in Sardegna lo scorso 1 maggio. Dopo di lui è tornato il terzino della Juventus, in prestito in rossoblù, Pellegrini. Anche lui volato nella sua Roma a metà aprile e rientrato il 6 maggio a Cagliari, dopo che il suo volo partito da Roma la sera del 5 maggio è stato costretto dalla nebbia a tornare nella capitale. Dei ritorni alla base che fanno ben sperare per una pronta ripresa degli allenamenti per Walter Zenga, anche se chi arriva da fuori l’isola dovrà comunque sottoporsi a un periodo di isolamento.

Il ritorno di Olsen

Il portiere svedese Olsen, in prestito a Cagliari dalla Roma, è il primo ad aver lasciato la Sardegna dopo il diffondersi dell’emergenza per il coronavirus. Robin è rientrato dopo un paio di settimane di lockdown a Cagliari verso fine marzo nella sua Svezia. Dove il portiere ha trascorso, e sta trascorrendo, queste settimane con la famiglia. Nel paese scandinavo le restrizioni sono state meno limitanti rispetto a quelle italiane: l’ex Roma si è goduto la famiglia anche con uscite nei parchi e nel verde. Ancora la società non ha inviato una lettera ai suoi giocatori ma anche Olsen ha deciso di organizzare il rientro nell’isola. Nei prossimi giorni e al massimo entro l’inizio della prossima settimana il numero uno della nazionale svedese atterrerà ad Elmas. Pronto anche lui a sottoporsi ai test sanitari per l’eventuale ripresa degli allenamenti e a trascorrere i classici 14 giorni di isolamento.

Roberto Pinna

AL BAR DELLO SPORT

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti