agenzia-garau-centotrentuno
La tribuna Luisiana del Biagio Pirina

4 dicembre 1930-2020: l’Arzachena festeggia 90 anni di calcio

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

4 dicembre 1930- 4 dicembre 2020:  sono giunti anche i novant’anni del calcio arzachenese.

Si potrebbe giustamente far notare che l’Arzachena è sorta nel 1964, senz’altro vero. Tuttavia l’attuale società non è che il risultato di una squadra che risorge sempre, come l’araba fenice, e si adatta ai tempi nuovi, magari cambia la denominazione sociale e col tempo anche i colori, ma al netto del discorso la società è sempre quella.

Si correva già da 2 anni dietro al pallone ad Arzachena, quando le autorità locali diedero mandato a due giovani studenti, membri del Guf, Nico Baffigo e Abeltino, di fondare una squadra di calcio. Così in quel freddo 4 dicembre 1930 venne ufficializzata la nascita dell’Associazione Sportiva Arzachena. Una casacca azzurra e tanto entusiasmo da riversare sul primo campo sportivo appena sorto nel borgo smeraldino. Erano già giunte le prime soddisfazioni, come una netta vittoria per 4 a 0 sul Tempio, si disputavano anche diversi accesi incontri con il Palau. L’A.S. Arzachena (divenuta quasi subito Unione Sportiva), si recò, con gran seguito di tifosi a Calangianus, che ospitò a sua volta. Poi alla vigilia del torneo Ulic sezione Gallura, scompare dalle pagine dei giornali, pur disputando una serie di amichevoli fino allo scoppio della guerra d’Africa nell’ottobre del 1935. L’Unione Sportiva ricompare nel 1947-48, l’entusiasmo è non porta a grandi risultati. Questi giungeranno solo con l’annata 1957-58. In quella stagione l’Arzachena, da matricola, vince il proprio girone e vola verso le finali.

Durante lo svolgimento del decisivo girone, una serie di problematiche portano la squadra al ritiro. L’attività continuerà nei tornei del CSI fino al 1963. L’anno successivo Pasquale Demuro, insieme ad un gruppo di entusiasti dirigenti, fonda la Luisiana Arzachena. Da quel momento i biancoverdi hanno vissuto momenti esaltanti ed altri tristi, ma la memoria ritorna sempre a quel 4 novembre, grata ai due fondatori e ai primi pionieri che calcarono i campi da calcio per difendere il nome di Arzachena.

Mario Fadda

TAG:  Amarcord
 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti