agenzia-garau-centotrentuno
serie-c-olbia-esultanza-centotrentuno-giordano

All or nothing: Olbia, ti giochi tutto in 180’

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Missione quasi compiuta. L’Olbia ritorna da Alessandria con l’urlo della vittoria ancora incastrato in gola e la – parziale – consolazione di essere più che mai all’altezza delle altre concorrenti per i play-off. Il che non significa che la lista delle recriminazioni sia vuota, vedi alla voce pareggi e calendario intasato, ma quanto meno la squadra ha saputo evidenziare la bontà della propria opera e può sognare fino alla fine di strappare il pass per degli storici play-off.

bianchi-immobiliare-centotrentuno

La situazione. Dopo il pareggio per 1-1 nel recupero con la Juventus, l’Olbia ha rosicchiato un punticino a Novara e Grosseto portandosi a quota 46 con i 48 delle due rivali, mentre la Juve sale a 49 e il Pontedera a 50 con una partita in meno (anche se contro la Pro Vercelli che deve blindare il terzo posto). Delle cinque squadre nominate tre faranno i play-off e due chiuderanno la stagione il 2 maggio.
L’Olbia si trova in piena rincorsa, dunque, con un’unica certezza: vincendo entrambe le partite sarebbe certa di entrare nelle prime dieci e giocare gli spareggi. Infatti il calendario propone la sfida al Novara in casa e il Grosseto in trasferta, quindi facendo punteggio pieno nei due scontri diretti è pacifico che ci sarebbe il sorpasso su entrambe. Le altre combinazioni renderebbero certamente più complicato l’accesso, per quanto bisogna evidenziare che il Grosseto dovrà giocare contro una Pistoiese alla disperata ricerca di punti e che il Novara chiuderà la stagione contro il Como in piena lotta promozione, quindi nulla è da dare per scontato.

Operazione Novara. Nota positiva è il rientro dalla squalifica di Pennington, ma sarà da valutare lo stato di La Rosa, uscito giovedì per un problema al polpaccio e da valutare in queste ore. Anche stavolta sarà praticamente impossibile riposare, con appena due giorni per ritrovare tono e preparare tatticamente la sfida di domenica, dove sarà fondamentale dosare bene le – poche – energie a disposizione.
All’andata nel gelo di Novara fu 1-1, coi piemontesi che passarono in vantaggio nel primo tempo e pareggio firmato Biancu al 51’, in quello che fu il gol che gli permise di rompere il ghiaccio e consacrò definitivamente come protagonista. Chissà che il ricordo non sia di buon auspicio anche per la sfida del ritorno per lanciare i bianchi verso l’ultima partita in piena corsa play-off.

Dodicesimo uomo. Comunque andrà a finire la volata per gli spareggi, Olbia-Novara è l’ultima partita del calendario del campionato regolare dell’Olbia in casa, in questa stagione così particolare giocata tutto a porte chiuse. Quindi, al netto di tutte le precauzioni dettate dal Covid per cui non si potranno costituire assembramenti attorno al Nespoli, sarebbe bello se la città lanciasse un messaggio d’incoraggiamento e gratitudine a questi ragazzi che stanno facendo vivere a società e città un momento storico. E allora: perché non appendere qualcosa di bianco alle finestre e provare a spingere la squadra verso il traguardo? Colorare di bianco le vie della città per sognare tutti insieme un finale indimenticabile.

Claudio Inconis 

TAG:  Serie C
 

Al bar dello sport

2 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
sandy-sardinia-spiagge-sardegna