Lavoro di potenziamento sulla sabbia di Asseminello

Cagliari: allenamento senza Nainggolan, e Zenga prova il 3-5-2

Penultima settimana di test per Walter Zenga in vista dell’esordio, il 20 giugno alle 21.45, sulla panchina rossoblù contro il Verona. Settimana di allenamenti iniziata con la seduta mattutina ad Asseminello iniziata come sempre intorno alle 11.

L’allenamento –  Attivazione muscolare tra ostacoli e pallone per i rossoblù nel centro sportivo di Assemini. Poi subito squadra divisa in due: la difesa, a lavorare sul fuorigioco e il ripiegamento su contropiede avversario, con Max Canzi, e costruzione del gioco e conclusione in porta guidata invece dall’Uomo Ragno nell’altro campo. Poi Zenga ha guidato un esercizio di possesso palla a campo ridotto, imponendo i tocchi e il pallone sempre a terra. A concludere partitella a metà campo a ranghi misti con inseriti schemi su palla inattiva. Punizioni e calci d’angolo ma anche rimesse laterali in zona offensiva. Perché con il tattico Gianni Vio in squadra nulla viene lasciato al caso.

Grande assente – Prima dell’allenamento della squadra alle 11 campi di Asseminello occupati da Leonardo Pavoletti. Il bomber livornese sta iniziando la fase sul campo del suo percorso riabilitativo e sta iniziando a riassaporare anche il pallone. Presente nel centro sportivo di Asseminello, ma grande assente in campo invece Radja Nainggolan. Il centrocampista in prestito dall’Inter non ha partecipato alla seduta odierna con i compagni a causa di un risentimento muscolare. Da capire se il suo sia uno stop precauzionale o se il Ninja ha un problema che potrebbe limitarne l’utilizzo in vista della prossima ripresa della Serie A. Una grana in più per Zenga, che si unisce al futuro tutto da decifrare del belga, che il tecnico milanese avrebbe volentieri evitato.

Nuovo test –  Nella fase di costruzione, forse anche a causa dell’assenza del Ninja, l’Uomo Ragno ha testato un nuovo modulo. In queste settimane abbiamo visto il 4-3-3 e il 3-4-1-2 mentre oggi Zenga ha provato anche il 3-5-2. Con Pereiro e Ragatzu ad alternarsi accanto a Simeone in un ipotetico attacco in vista del Verona, dove l’allenatore milanese non avrà Joao Pedro. A fare i quinti Pellegrini a sinistra e Nandez a destra mentre il centrocampo era composto da Cigarini al centro con Rog e Ionita ai suoi lati. Difficile intuire le gerarchie in difesa visto, come detto, che la squadra ha visto in maniera separata la fase di copertura con Canzi.

Nuovo innesto – Se le condizioni di Nainggolan sono da verificare, dalla Primavera è arrivato un nuovo innesto per il gruppo. Con Zenga infatti oggi si è allenato anche Isaias Delpupo. L’argentino classe 2003 aggregato solo quest’inverno alla Primavera. Definito come uno dei talenti più cristallini del vivaio rossoblù ancora Delpupo non è riuscito a dimostrare in campo le sue qualità, anche a causa di un infortunio. Ora avrà l’occasione di mettersi alla prova con i grandi. Con i quali già si è allenato in passato prima del suo tesseramento in rossoblù.

Roberto Pinna

avatar
500
Miali
Miali

Sarei davvero curioso ed entusiasta di vedere la squadra schierata con il 3421, magari con i dUE trequartisti a piede invertito.
La difesa a tre sembra più adatta alle caratteristiche dei singoli a disposizione.