Lennart Czyborra in Atalanta-Brescia

Cagliari: ecco perché Czyborra è stato mollato dai rossoblù

Il rimbalzo di responsabilità, le accuse incrociate che nascondono colpe condivise. A volte è meglio il silenzio e mettere sotto il tappeto cause e conseguenze, lasciar scorrere il passato e ripartire senza guardarsi indietro. Gli strascichi possono avere l’immagine di un buco aperto da riempire al più presto, piangere sul latte versato ha poco senso quando il tempo presenta il conto e ogni ora che passa ci si avvicina alla prossima sfida. Cos’è successo tra il Cagliari e Lennart Czyborra? Promesso sposo rossoblù che resta tale, ma in direzione Genova. Tutto sembrava fatto poi la positività al Covid del terzino tedesco a rimandare il matrimonio fino al terzo incomodo che mette il dito tra moglie e marito.

“Chi viene a Cagliari deve mostrare desiderio di lottare per questi colori al di là delle qualità e sposare questa filosofia e mentalità“. La firma su queste parole è quella di Eusebio Di Francesco, poco più di una settimana fa il tecnico abruzzese indicava la via e oggi, a bocce ferme, queste dichiarazioni si riempiono di ulteriore significato. Czyborra era pronto a tornare in Sardegna dopo la toccata e fuga di metà agosto tra vacanze in Costa Smeralda e visita ad Asseminello. Affare fatto, cinque milioni all’Atalanta per il prestito biennale con obbligo di riscatto e il giocatore pronto a vestire la maglia rossoblù dopo il tentativo andato a vuoto dello scorso inverno. Il Cagliari aspettava di poter finalizzare il tutto non appena fosse passato il problema Covid, il giocatore in isolamento in Germania però iniziava ad avere altre idee perché Faggiano, il direttore sportivo del Genoa, aveva fatto capolino come terzo incomodo. Senza le firme nero su bianco tutto può succedere e così il blitz dei liguri va a segno, offerta migliore all’Atalanta e a Czyborra, il Cagliari resta sorpreso con il cerino in mano. Rilanciare per convincere giocatore e bergamaschi, a maggior ragione in tempi di vacche magre da Covid, un’opzione non percorribile. Non è momento di aste anche perché Di Francesco vuole elementi devoti alla causa e se bastano pochi euro per far cambiare idea allora forse non ne vale la pena di ribaltare la situazione ed è meglio cercare altrove. D’altronde anche il direttore sportivo rossoblù Pierluigi Carta una settimana fa aveva ribadito quanto detto da DiFra, “I calciatori che arrivano qui devono voler fortemente indossare la nostra maglia, avendo ben chiaro cosa rappresenta per la nostra terra”.

Czyborra ha abbandonato il Cagliari e il Cagliari ha fatto spallucce abbandonando Czyborra, la mentalità e la voglia di vestire il rossoblù sono la stella polare della rivoluzione a nome Di Francesco. Gli errori del passato da non ripetere, il Cagliari che è crollato nella seconda parte delle ultime stagioni ha mostrato problemi mentali più che tecnici e dalla mentalità si è deciso di ripartire. Una decisione che segna il futuro, meglio un giocatore convinto che un Czyborra da convincere, con buona pace di una fascia sinistra da ricostruire.

Matteo Zizola

AL BAR DELLO SPORT

guest
30 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Giò1
Giò1
11/09/2020 13:35

Mi sembra la storia della volpe che non riesce a prendere l’uva……

Giorgio
Giorgio
09/09/2020 18:28

Perfettamente d’accordo

Paolo
Paolo
09/09/2020 17:15

Cipudda sta bene al Genoa, tanto con Maran non giocherà mai.

Fabrizio
Fabrizio
In risposta a  Paolo
11/09/2020 14:59

È vero sarà sostituito a breve dallo svincolato Cacciatore

Carlo Gaspa
Carlo Gaspa
09/09/2020 17:00

Credo che un calciatore valutato cosi tanto per non aver mai giocato e meglio che sia andato al Genoa.

Michele
Michele
09/09/2020 16:38

Si puo ‘ di tutto e di piu’ per me Carta deve buttarsi a capo fitto e far ritornare Murru e un giocatore completo e per di piu’ e SARDISSIMO !

Zio Tibia
Zio Tibia
09/09/2020 16:00

Meno male se si prendeva Cisborra e poi Burrai dal Pordenone e magari Lubamba dall Angola si poteva organizzare al massimo un pornazzo.

William Nurchis
William Nurchis
09/09/2020 14:39

Carta, e ancora in fiore come il mirto… Si deve fare, purtroppo su nei palazzi non lo conoscono pl

PIERO..piras..
PIERO..piras..
In risposta a  William Nurchis
09/09/2020 15:18

NURCHIS ..la tua e’ aria fritta ..il giocatore era venuto ad assemini aveva conosciuto DI FRANCESCO ..GIULINI .. cosa c’entra CARTA ..se’ il ragazzo era convinto di venire a CAGLIARI ..non ‘era bliz di FAGGIANO che’ tenesse forse non era convinto perche ‘ adesso decidono i giocatori..ti ricordi BARELLA venduto alla ROMA?

Riberto
Riberto
09/09/2020 14:17

Gli affari nn su fanno con i ceci ma con i soldi e il Cagliari ne ha veramente pochi da spendere. L’altro modo x fare affari è la competenza e mi sa’ che anche di quella il Cagliari ne ha poca (vero Carta?)

anto23
anto23
09/09/2020 13:20

ma… poche presenze coi bergamaschi.
Atalanta come juve botteghe care e fregature sicure a me non sembra grande perdita.
io venderei Pavoletti minimo 7 mil.
e penserei pure a JP per 15 16 mil.
per il primo vedi Zaniolo…
JP non prendi piu’ quei soldi
comprerei terzino e Zazza dal toro
MARIN NANDEZ ROG
SOTTIL SIMEONE ZAZZA

i soldi presi dalle cessioni in bilancio
ci attendono periodi difficili
Ciao a tutti Forza Cagliari

Luigi
Luigi
09/09/2020 12:44

Il mondo dei DS e dei Procuratori è un mondo di lupi, di volpi e di faine. E’ molto difficile affrontarli con un agnello.

Sa Giustizia!
Sa Giustizia!
09/09/2020 12:40

A me sembra che Carta farà rimpiangere Carli e prima di lui Capozucca..

Cal
Cal
09/09/2020 12:02

mah se il cagliari lo voleva davvero doveva prenderlo nonostante il covid, visto che la guarigione è garantinta in poco tempo (era pure asintomatico)

Albero 49
Albero 49
In risposta a  Cal
09/09/2020 13:00

SECONDO ME AL CAGLIARI SERVE UN D.S.SVEGLIO È SVELTO , ALTRIMENTI SI RIMANE AL PALO !!

ZioFranco
ZioFranco
09/09/2020 11:42

Comunque situazione gestita malissimo dalla società perché non so annuncia pubblicamente un giocatore se manca la firma. Incauti, sprovveduti con andazzo dilettantistico

Gvar
Gvar
09/09/2020 11:09

Articolo penoso ! Quando non si sa’ cosa scrivere….

Last edited 11 giorni fa by Gvar
Barrosu70
Barrosu70
In risposta a  Gvar
09/09/2020 11:20

Concordo a pieno…il Cagliari non ha mai voluto il giocatore, questo è il punto..

Sant'Efisio
Sant'Efisio
09/09/2020 10:39

Ma chi ha mollato cosa!!!
Gli affari sono affari. E un giocatore e’ libero di preferire dove andare contratto permettendo.
A volte siete veramente ridicoli.

Ugo
Ugo
09/09/2020 09:54

Il Cagliari ha una organizzazione scouting come poche in Italia, possibile che non riescano a scovare un terzino sinistro all’atezza della situazione? Diamo spazio a Guffanti che conosce il mestiere.

Frisco
Frisco
09/09/2020 09:52

See, see… Ricorda la volpe e l’uva… Di certo c’è che non si riesce a competere sul mercato neppure col Genoa. Pensa un po’!

franco
franco
09/09/2020 09:28

Hanno fatto bene a mollarlo

Gsr65
Gsr65
09/09/2020 09:21

che se ne sta parlando troppo,fino ad oggi e un emerito sconosciuto.parliamo del nostro cagliari e dei giocatori che girano intorno al cagliari.Basta parlare anche degli ex come ciga,ionita etc,non sono più nostri

ivano spiga
ivano spiga
09/09/2020 09:09

Chi si coddidi czyborra, maran ed Il genoa…auguro una serena retrocessione.

ZioFranco
ZioFranco
In risposta a  ivano spiga
09/09/2020 11:43

Però purtroppo stanno allestendo una buona squadra. Meglio della nostra sicuro

Geronimo
Geronimo
09/09/2020 09:06

Mah…un po’ surreale come articolo. Trovare giocatori devoti alla maglia col calcio moderno controllato da procuratori e sponsor è un discorso utopistico. Evidentemente il tedesco non è stato ritenuto molto più forte di Liko e Pajac

ivano spiga
ivano spiga
In risposta a  Geronimo
09/09/2020 09:12

A me fa strano pure questa positività al covid…chissà.

Matteo
Matteo
In risposta a  ivano spiga
09/09/2020 11:46

Esatto è una storia inventata per fare saltare tutto

Sant'Efisio
Sant'Efisio
In risposta a  Geronimo
09/09/2020 10:23

Esatto!
Oppure il tedesco ha semplicemente preferito il Genoa .

ivano spiga
ivano spiga
In risposta a  Sant'Efisio
09/09/2020 12:33

E pensare che di solito i genovesi sono tirchi…mah!:D