Cagliari, impatto choc per Despodov con il Ludogorets

Falsa partenza. Uno scatto leggero ma percepibile prima del via. Un piede, quello storto, messo prima di quello forte e un avvio non incominciato esattamente come sperato. È quello che è successo a Kiril Despodov, che ha salutato la Sardegna negli ultimi minuti del mercato, ceduto in prestito al Ludogorets.

Come una persona non gradita, l’attaccante bulgaro è partito in silenzio verso la sua patria anche se la sua cessione negli ultimi giorni ha fatto tanto rumore. Non a Cagliari, ma dalle parti di Sofia, lui ex CSKA e tifoso dichiarato della sua vecchia squadra che arriva nelle fila dei rivali storici di Razgrad. Despodov in Bulgaria difficilmente passa inosservato e il trasferimento sul fil di sirena del mercato è diventato un caso ancora più grosso alla luce degli insuccessi della sua nazionale nelle ultime gare. Una crisi nera che lo ha fatto diventare il capro espiatorio almeno per i suoi ex tifosi del CSKA che vedono nello shuttle – soprannome spesso usato in chiave ironica da chi lo critica – l’esempio del crollo del calcio bulgaro tra apparenza e realtà. Non il miglior modo di iniziare una stagione che nelle speranze del Cagliari dovrebbe essere quella che porta alla cessione definitiva.

Matteo Zizola

 
7 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti