agenzia-garau-centotrentuno

La Moviola | Dubbi sul gol annullato al Napoli, ma il Var…

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Una partita non cattiva con soli tre episodi da rivedere relativi alle decisioni dell’arbitro Fabbri. Il pareggio del Cagliari a Napoli in extremis non ha regalato tanti spunti arbitrali, anche se da parte partenopea non sono mancate le polemiche per il gol del possibile due a zero annullato a Osimhen per fallo su Godín.

bianchi-immobiliare-centotrentuno

Giallo Faraone
Al 32′ del primo tempo il primo episodio da rivedere. Di Lorenzo scende sulla destra, Godín entra in scivolata sul giocatore del Napoli mettendo la palla in fallo laterale. Fabbri, però, con l’aiuto dell’assistente sanziona l’intervento del difensore rossoblù non solo con il calcio di punizione, ma anche con il cartellino giallo.

Godín con il suo intervento prende il pallone, mentre non è chiaro se colpisca anche il piede di Di Lorenzo. Un aspetto comunque secondario, perché come evidenziato dall’immagine il tackle del Faraone è decisamente imprudente. Entrambe le gambe sono sollevate da terra, poco conta che il giocatore non abbia né intenzione di far male all’avversario né che colpisca o meno la caviglia del terzino partenopeo. Come sempre ci aiuta il regolamento, che in merito al “calcio di punizione diretto” dice testualmente: “Un calcio di punizione diretto è assegnato se un calciatore commette una delle seguenti infrazioni contro un avversario in un modo considerato dall’arbitro negligente, imprudente o con vigoria sproporzionata: (…) effettuare un tackle o un contrasto, sgambettare o tentare di sgambettare. (…)  “Imprudenza” significa che il calciatore agisce con noncuranza del pericolo o delle conseguenze per l’avversario e per questo deve essere ammonito”. Esattamente il caso relativo all’intervento di Godín.

Recupero decisivo (e niente VAR)
Al 39′ minuto del primo tempo proteste del Napoli, seppur limitate, per un intervento di Ceppitelli su Osimhen. Il capitano rossoblù in recupero sul nigeriano tocca il pallone o il piede dell’avversario?

Dall’immagine sembrerebbe che ci sia stato un contatto tra il ginocchio destro di Ceppitelli e la gamba di Osimhen, mentre non è chiaro chi intervenga dei due per primo sul pallone. Fallo o meno resta impossibile da protocollo l’intervento del VAR. L’eventuale fallo è infatti avvenuto fuori dall’area di rigore, pertanto oltre le responsabilità dell’assistente video.

Polemiche azzurre
Il vero episodio della gara avviene al 53′ minuto. Protagonista ancora una volta Osimhen che vede annullato il suo gol del raddoppio per un fallo commesso su Godín. Intanto è importante notare la posizione di Fabbri.

Il direttore di gara è lontano dall’episodio che avviene su un ribaltamento di fronte improvviso in seguito a un lancio di Koulibaly dalla propria area. Non solo, ma Fabbri risulterà coperto proprio da Osimhen e Ceppitelli.

Dall’immagine a campo largo si possono notare due dettagli. Intanto l’assenza di Fabbri e, in second’ordine, la mano di Osimhen sulla schiena di Godín. Il fischio dell’arbitro che precede l’annullamento del gol avviene dopo che l’attaccante partenopeo ha messo la palla in rete. Si può supporre, dunque, anche valutando la posizione di Fabbri, che sia stato o l’assistente sul lato opposto o il quarto uomo ad aiutare Fabbri nella decisione, data la visuale migliore soprattutto del secondo.

Con l’immagine più stretta si possono notare prima la mano e poi il braccio di Osimhen sulla schiena di Godín. Sufficiente per essere fischiato un fallo? O l’uruguaiano, sentendosi toccato dall’avversario, si lascia andare? Difficile dirlo, siamo all’interno del classico episodio che in entrambi i casi non rappresenterebbe un errore dell’arbitro. Questo aspetto è fondamentale per capire il mancato intervento del VAR. Non si tratta infatti di un chiaro ed evidente errore e non lo sarebbe stato nemmeno qualora Fabbri non avesse annullato il gol. Vale in sostanza la decisione presa sul campo.

Matteo Zizola

 
6 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti