Nahitan Nandez nel ritiro di Aritzo

Cagliari, le 48 ore decisive per il futuro di Nandez

Un mercato fatto di scambi, trattative lunghe e complicate, esuberi difficili da piazzare e formule creative per evitare di dare colpi troppo forti a bilanci già intaccati dal Covid. In questo contesto la ricerca di liquidità fresca da reinvestire o da utilizzare per coprire le spese diventa fondamentale, senza perdere di vista l’aspetto sportivo che resta la chiave per non perdere domani ciò che si guadagna oggi. Il Cagliari non fa eccezione con gli acquisti impostati su spese più proiettate al futuro che da mettere a bilancio in questa sessione, su tutti l’affare Nainggolan e la ricerca della modalità giusta per far quadrare i conti sia per la società rossoblù sia per l’Inter che ne detiene il cartellino.

Giulini ha provato e sta provando a tenere la barra dritta e a non farsi tentare da offerte non consone per i suoi gioielli. La tentazione di cedere uno dei giocatori in vetrina può essere cattiva consigliera, anche se come dichiarato dal direttore sportivo Carta nella giornata di ieri “se arrivano offerte importanti non puoi rinunciare”. E a proposito di offerte importanti sarebbe pronta ad arrivare sul tavolo del presidente Giulini quella del Leeds per Nahitan Nández, con il club inglese allenato dal Loco Bielsa che avrebbe nuovamente messo gli occhi sul León e non solo in maniera interlocutoria.

L’affondo sarebbe prossimo a essere sferrato nei prossimi giorni, non più tardi di venerdì, anche perché come dichiarato sempre dal direttore sportivo Carta “se l’ultimo giorno di mercato perdi un big non ti bastano i soldi per colmare il suo buco”. Il presidente del Leeds Andrea Radrizzani potrebbe dunque mettere sul piatto 30 milioni di sterline – 33 milioni di euro – per cercare di convincere il collega rossoblù e portare Nández in Premier League, provando a sfruttare anche i rapporti cordiali con Tommaso Giulini. Resta ovviamente da capire la posizione del Cagliari che se da un lato troverebbe linfa vitale per puntellare la rosa nelle altre zone del campo – e per chiudere definitivamente il discorso Nainggolan – dall’altro lascerebbe partire per meno della famosa clausola da 36 milioni un giocatore che la prossima estate potrebbe ulteriormente crescere di valore.

Da non sottovalutare infine la volontà proprio del León a maggior ragione con l’arrivo nella colonia uruguaiana del suo capitano in nazionale Diego Godín. Nández si trova bene in Sardegna, aspetto noto, e la possibilità di disputare almeno un’altra stagione in maglia rossoblù è un’idea intrigante e per ora più che viva, ma di fronte a un’offerta irrinunciabile sia il Cagliari che il giocatore potrebbero cambiare idea. Difficilmente la trattativa andrà oltre le prossime 48 ore, il Leeds dopo aver praticamente perso De Paul e aver acquistato Cuisance dal Bayern Monaco dovrà serrare i tempi se vorrà affondare il colpo per il numero 18 rossoblù.

Matteo Zizola

 

AL BAR DELLO SPORT

guest
7 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
solorossoeblu
solorossoeblu
30/09/2020 19:36

E quindi Nandez, prima convince Godin a venire a Cagliari, poi se ne va?
Mi sembra strano…

Gavino Macara
Gavino Macara
30/09/2020 18:56

e basta con la storia dei rapporti cordiali… allora se io sono in rapporti cordiali col cugino acquisito di un amico di mio cugino di secondo grado, allora gli vendo il numero 1 di Zagor a 10euro.. ma candu mai!

Fabio
Fabio
30/09/2020 18:21

Nandez sarebbe una bestemmia vederlo oggi . Almeno questa stagione col Cagliari e poi varrà il doppio

Flavio
Flavio
30/09/2020 17:02

Volevo dire Giulini

Flavio
Flavio
30/09/2020 17:01

Quello che penso anche io, giuliani sarà anche un giovane presidente, però è anche un imprenditore, quindi non credo che venda nandez sotto il prezzo della clausola, in piu l’anno prossimo ne può chiedere 50-60.

Anto Nello
Anto Nello
30/09/2020 16:24

La clausola è scaduta il 15 settembre, fuffa e nulla vieta di chiedere 50 mln ad esempio

Luciano
Luciano
30/09/2020 15:54

Addirittura una somma più bassa della clausola…spero che Giulini non ci caschi