agenzia-garau-centotrentuno
nuovo-stadio-cagliari-calcio

Cagliari: le nuove osservazioni fatte al Comune sulla questione stadio

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Freddo fuori ma caldo dentro. I primi mesi di questo 2021 saranno decisivi per il percorso di avvicinamento verso i lavori del nuovo stadio del Cagliari. Il club tra marzo e aprile presenterà il progetto definitivo realizzato con il consorzio Sportium, ma nel frattempo lo scorso 22 dicembre la società rossoblù ha inviato a sindaco, vicesindaco e alla commissione urbanistica ulteriori osservazioni sul progetto guida dell’attuale amministrazione cagliaritana.

Le osservazioni – Rilevazioni del Cagliari Calcio che si concentrano soprattutto sui parcheggi da destinare all’area del settore ospiti. Secondo il club di via Mameli servirebbero circa 1.000 parcheggi, per auto e pullman, rispetto a quelli previsti al momento dal progetto. Per recuperare lo spazio da destinare ai posti auto, che per ragioni di ordine pubblico dovrebbero essere predisposti nell’area “Est” della struttura e quindi il più lontano possibile dalla curva Nord, il Cagliari ha proposto al Comune di far slittare di circa 53 metri il terreno di gioco del nuovo stadio, di fatto spostando leggermente l’attuale campo (non la struttura, sia chiaro) del Sant’Elia in direzione Nord-Ovest. Inoltre la società ha chiesto nelle rilevazioni per il Comune anche un incontro per discutere del tema.

Amministrazione – L’aspetto dei parcheggi mancanti è stato discusso nel pomeriggio di oggi, 13 gennaio, nella conferenza di copianificazione del Comune e non dovrebbe rappresentare rallentamenti o intoppi verso il normale iter dello stadio. Anche perché lo slittamento dello stadio dei famosi 53 metri era in realtà già previsto nel progetto guida e rientrava nello scollamento dell’area commerciale da quella dello stadio. La conferenza di copianificazione si incontrerà anche lunedì prossimo, 18 gennaio, ed entro un mese le osservazioni presentate dal Cagliari Calcio verranno portate in aula consiliare.

Resta aperta, al momento, l’annosa questione relativa all’area commerciale. Il Cagliari, con le parole dello stesso Giulini, più volte ha dichiarato di voler rinunciare agli spazi destinati inizialmente al centro commerciale. Ma al momento al Comune non è arrivata nessuna comunicazione ufficiale in merito. La società rossoblù non è obbligata a presentare una formale rinuncia all’area commerciale in questo momento, potrà farlo anche chiedendo una variante al progetto più avanti. Va comunque sottolineato come la modifica di questi spazi comporterà anche una variante all’attuale piano economico finanziario, perché di fatto ci sarà bisogno di un ulteriore investimento da parte del pubblico. Proprio gli spazi commerciali e la viabilità legata al progetto, su tutte l’abbattimento di Viale Salvatore Ferrara, saranno i due temi principali, insieme alla nuova osservazione sui parcheggi, della discussione in aula consiliare già citata che è prevista tra circa un mese. Né il Cagliari né il Comune vorrebbero che questi nuovi temi rallentino l’iter dello stadio, con la speranza di iniziare i lavori di abbattimento del vecchio Sant’Elia entro la fine del 2021. Ma gli imprevisti in questi anni non sono mancati e se questo momentaneo step sarà una pagina o un capitolo nella storia della nuova casa rossoblù lo scopriremo solo tra qualche settimana.

Roberto Pinna

 

Al bar dello sport

2 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti