Cagliari: lo strano silenzio su Primavera e settore giovanile

Poche certezze e tanti dubbi. Il settore giovanile del Cagliari vive un’estate particolare. Una rivoluzione silenziosa che, anche causa Covid-19, metterà i giovani rossoblù davanti a una nuova sfida.

Rispetto al recente passato dall’Under 14 alla Primavera si cambia tanto. All’inizio del campionato per i più “grandi” Under 19 mancano esattamente 10 giorni. Ma per ora Agostini, nuovo tecnico dopo l’approdo a Olbia di Max Canzi, non ha svolto nemmeno un allenamento con la propria nuova squadra. Non le condizioni migliori per preparare la stagione, in teoria, del nuovo assalto ai playoff. Dopo le ultime ottime annate sotto la guida Canzi. Le pressioni sono tante ma anche il numero dei dubbi aumenta di giornata in giornata. Chi farà parte della squadra di Agostini? Quale sarà lo staff dell’ex terzino rossoblù che sarà alla prima da allenatore in carriera? Per ora una delle certezze del gruppo rossoblù, che salvo nuove complicazioni date dal difficile protocollo sanitario dovrebbe iniziare gli allenamenti domani, è il capitano: Salvatore Boccia. Ma insieme a lui è da completare la lista dei fuori quota. Possibilità per Cusumano e Michelotti, aggregati in questi giorni con Di Francesco, così come per Cabras, anche lui in prima squadra nelle ultime settimane. Da capire infine la posizione dell’attaccante Contini, che in un reparto con tanti giovani potrebbe essere utile. Il centrocampista Cossu, invece, per ora è in prova a Olbia.

Il tempo scorre. I rinforzi dall’Under 17 più quotati sono quelli del portiere D’Aniello, del centrale Palomba, del centrocampista Schirru e della punta Sabino. Tanti invece gli ex U17 andati a maturare in Serie D, come Pischedda aggregato da settimane con il Carbonia di Mariotti. Visto il poco tempo per preparare la nuova stagione mister Agostini e il Cagliari potrebbero chiedere alla Lega il rinvio della prima giornata del Primavera 1, contro il Milan in casa. E resta da capire anche la situazione di Asseminello, con il nuovo stadio al momento ancora un cantiere aperto. Diversi i club, tra i 16 del Primavera 1, che chiederanno un rinvio della prima giornata. Con il Cagliari che però di fatto è una delle ultime giovanili a ripartire. Grazie a un rinvio Ago avrebbe a disposizione almeno due settimane per preparare una nuova stagione. Non tanto ma comunque un passo in avanti.

I dubbi però non riguardano solo la Primavera ma tutto il settore giovanile. Niente presentazioni o conferenze in bello stile come accaduto invece nelle passate stagioni. Una scelta che non ha bisogno di giustificazioni ma che comunque stride, in parte, con quella che era la linea d’attenzione posta dalla società negli ultimi anni sul settore giovanile. Martino Melis, ex tecnico dell’Under 17, non è stato nemmeno salutato, ormai atteggiamento abitudinario dentro Asseminello, ma lascerà i suoi compiti in rossoblù (oltre a quello di allenatore anche di coordinatore tecnico dell’Under 16). Al suo posto ci sarà Riccardo Testoni, in arrivo dal settore giovanile dell’Olbia. Dovrebbe continuare l’avventura in rossoblù mister Zini, l’anno scorso alla guida dell’Under 15. Poche informazioni invece per le altre panchine. E poca chiarezza anche sui ruoli del settore giovanile dopo il passaggio di Carta a direttore sportivo della prima squadra. L’ex diesse dell’Olbia manterrà anche una supervisione sulla Primavera ma aumenteranno le responsabilità di Daniele Conti? Insomma, tante domande per uno dei settori giovanili più in crescita in Italia che però nelle prossime settimane dovrà per forza ottenere delle risposte concrete per non ripartire con il piede sbagliato.

Roberto Pinna 

 

AL BAR DELLO SPORT

guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Max
Max
10/09/2020 10:33

Ci stiamo perdendo…

ZioFranco
ZioFranco
09/09/2020 12:56

È lo specchio fella società