Radja Nainggolan in azione

Cagliari-Nainggolan, l’Inter continua a monitorare Ladinetti

Certe trattative fanno giri immensi e poi ritornano. Il legame a doppio filo tra Nainggolan e Cagliari non si è mai spezzato, nonostante la dirigenza rossoblù non sia riuscita a riportare sul gong dell’ultimo calciomercato il centrocampista belga in Sardegna per la terza volta nella sua carriera.

Tutti scontenti – Un mancato ritorno in rossoblù che ha scontentato un po’ tutti. Tifosi del Cagliari, Nainggolan e lo stesso Di Francesco che in più di un’occasione durante il pre-campionato, e nelle gare di Serie A con il mercato ancora aperto, aveva sottolineato l’importanza di Radja per il suo nuovo Cagliari. In questo inizio di stagione però anche l’Inter e il suo allenatore Antonio Conte sembrano scontenti della permanenza di Nainggolan. Il Ninja non sta avendo l’impatto sperato in nerazzurro, lo spaccapartite a gara in corso che l’ex tecnico della Nazionale aveva immaginato si sta dimostrando un oggetto estraneo al progetto nerazzurro. Con Conte che non ha mancato di punzecchiarlo: “Ci sono giocatori che entrano in forma prima, chi dopo e chi mai”, alla fine della gara contro il Parma in campionato.

Nuovi orizzonti – Una situazione piacevole a nessuno e che potrebbe portare tra qualche mese a nuovi scenari molto simili a quelli già visti e analizzati nell’ultima sessione di calciomercato. L’Inter non può permettersi l’ingaggio di Nainggolan se il giocatore non è funzionale alle strategie di Conte. Senza dimenticare che lo stesso giocatore non sembra centrato al momento nel voler dare il massimo per il progetto nerazzurro, viste le ultime prestazioni. E allora per il Cagliari si apre uno spiraglio per provare a riaprire la trattativa al ribasso con la squadra milanese per arrivare finalmente a Radja.

La pista – Nemmeno l’Inter ha chiuso definitivamente alla trattativa dopo lo stallo di ottobre. Tanto che la società nerazzurra in queste settimane ha continuato a monitorare la crescita di Riccardo Ladinetti. Il play 2000 rossoblù che piace al club milanese come contropartita tecnica nell’affare. L’Inter è rimasta piacevolmente colpita dal buon impatto con la Lega Pro del giocatore e sembra sempre più convinta a ripartire da Ladinetti a gennaio per l’affare Nainggolan. Con il giovane che resterebbe comunque in prestito fino a fine stagione con i bianchi di Max Canzi. Insomma, l’ambientamento di Ladinetti a Olbia e il mancato nuovo amore tra Conte e Nainggolan potrebbe semplificare al Cagliari il terzo capitolo Radja. Una situazione che non sarà comunque facile da gestire perché il Ninja, come più volte sottolineato dal club rossoblù, rappresenta un esborso importante per le casse del club. E a gennaio gli alibi su un mancato ritorno potrebbero essere ancora meno rispetto a ottobre. In più il campo ha fatto emergere una domanda per Di Francesco: dove può giocare Nainggolan in questo 4-2-3-1?

Roberto Pinna

 

AL BAR DELLO SPORT

guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Mario
Mario
05/11/2020 18:00

Con uno scambio alla pari ci guadagnano entrambi, risolto

Ivano Spiga
Ivano Spiga
05/11/2020 07:19

Radja che chiude la carriera in panchina all’inter non si può sentire. Riportatelo subito a casa.

Arm.
Arm.
04/11/2020 22:38

Ma lasciamo le cose come stanno: Ladinetti al Cagliari e Nainggolan all’Inter. Tra loro 12 anni e 12 milioni di differenza? Teniamo Ladinetti e i 12 milioni