agenzia-garau-centotrentuno
cagliari-calcio-simeone-centotrentuno-sanna

Cagliari: Pavoletti e Simeone chiavi per il mercato?

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Un terzino destro, un regista, un nuovo innesto nel reparto offensivo qualora si portasse a termine una cessione. Questa la lista dei desideri di Eusebio Di Francesco, oltre le immancabili partenze degli esuberi ancora in rosa.

Capitolo play – L’allenatore rossoblù è stato chiaro dopo la sconfitta contro il Milan, “giocando a tre nel mio modo di vedere il calcio il regista è fondamentale”. Parole che richiamano a quello successive alla partita contro la Lazio della seconda giornata. Di Francesco alla domanda se fosse necessario un giocatore più rodato rispetto a Marin, rispose in quell’occasione che “è difficile trovare giocatori bravi e giovani in quel ruolo lì. Marin lo stiamo costruendo in un determinato ruolo, ci vuole un pizzico di pazienza“. Pazienza che sembrerebbe essere finita dopo 17 giornate, il romeno schierato mezzala contro i rossoneri ha dato risposte importanti e così la caccia al play abbandonata in estate è pronta a ripartire. Obiettivo numero uno, ancora, è Erick Pulgar, centrocampista cileno in forza alla Fiorentina. Bravi e giovani, questa l’indicazione di Di Francesco a settembre e che resta più che valida oggi. Dunque non Schone, dall’Olanda si parla di una sempre più valida possibilità di un accordo con l’Ajax per il danese svincolato, e non Bourabia, che regista non è e che al momento il Cagliari non ha mai contattato.

Combinazioni d’attacco – Pulgar dunque resta il desiderio primario per coprire il buco del centrale di centrocampo, per arrivare al cileno ex Bologna la carta Pavoletti resta sempre valida per abbassare le pretese della Fiorentina. Non solo il Cagliari, ma anche il Leeds è sulle tracce del regista classe ’94, il club viola sarebbe disposto a lasciar partire il giocatore anche in prestito con diritto di riscatto. La società di Via Mameli valuta il da farsi e nel frattempo analizza anche la possibile cessione di Giovanni Simeone al West Ham. Gli Hammers sarebbero sulle tracce del Cholito e, secondo quanto abbiamo raccolto, avrebbero offerto una cifra di poco superiore ai 20 milioni di sterline per strapparlo al Cagliari. Dal canto suo il club rossoblù vorrebbe l’intero ammontare della clausola, pari a 30 milioni di euro, ma le parti potrebbero incontrarsi a metà strada. A distanza di un anno, dunque, il West Ham punta un altro giocatore del Cagliari dopo aver fallito l’assalto a Nández nel gennaio del 2020.

Nuovi obiettivi – Va da sé che Di Francesco, in caso di cessione di Simeone e a maggior ragione se partisse anche Pavoletti, avrebbe bisogno di un nuovo giocatore per il suo attacco. Proprio il centravanti livornese è richiesto da più parti e si sarebbe convinto a lasciare la Sardegna dopo le titubanze estive. La voglia di maggior minutaggio e di avvicinarsi alla sua Livorno cresce, con la Fiorentina dovrebbe essere tutto imbastito da tempo, ma si attende la partita contro il Genoa prima di decidere. Il destino di Di Francesco, saldo ma fino a un certo punto, sarebbe infatti legato a doppio filo con quello di Pavoloso, nella remota ipotesi di cambio in panchina ecco che il centravanti potrebbe restare in Sardegna. Per rimpiazzarlo il nome nuovo, almeno secondo Gianluca Di Marzio, è quello di Simone Zaza con Pavoletti che invece di raggiungere Firenze andrebbe a Torino sponda granata. Resta in pole al momento la società viola e attenzione per la sostituzione del numero 30 rossoblù anche a un vecchio pallino estivo, Jonathan Rodriguez del Cruz Azul. In rotta con il suo club, il Cabecita ha ricevuto offerte importanti dalla Cina, ma il Cagliari secondo quanto abbiamo raccolto sarebbe alla finestra anche se non pienamente convinto della soluzione.

Stand-by – Le difficoltà per le visite mediche avrebbero messo il freno allo scambio Calabresi – Faragò. Il terzino del Bologna attende di poter vestire la maglia del Cagliari, mentre l’ex Novara ancora non ha effettuato le visite di rito e l’affare inizia a essere messo in dubbio. Faragò arriva da un periodo di stop, si allena da tempo in differenziato e il Cagliari cerca di ritardare il check medico così da evitare un responso negativo che farebbe naufragare definitivamente la trattativa, sempre che la società rossoblù non decida di portare Calabresi in Sardegna anche senza contropartite tecniche. Con Pisacane ufficialmente nuovo giocatore del Lecce la difesa attende soltanto il nuovo esterno destro, mentre in mezzo al campo è stata bloccata la possibile cessione di Oliva all’Eibar. L’assenza di alternative ha messo in congelatore la richiesta ufficiale inviata dagli spagnoli, così come è ancora in divenire il destino di Pajac – richiesto sempre in Francia – e di Cerri, con il centravanti che in caso di doppia partenza di Pavoletti e Simeone potrebbe restare in Sardegna. Infine il capitolo Ounas, conteso da Parma e Spezia e la cui unica certezza sembra ormai la fine dell’esperienza con la maglia del Cagliari. Resta viva l’opzione Brian Rodriguez, anche se in questo caso saranno decisivi gli ultimissimi giorni di trattative.

Matteo Zizola

 

Al bar dello sport

22 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti