agenzia-garau-centotrentuno

Cagliari, spegnere le luci a San Siro per accendere la speranza salvezza

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Luci a San Siro. Stavolta non su quella Montagnetta cantata da Vecchioni, ma su quel Meazza che sarà teatro del posticipo di Serie A che vedrà Cagliari e Inter sfidarsi per i tre punti. Non sarà facile per la squadra di Mazzarri fermare quella che sembra essere una delle principali candidate alla vittoria dello scudetto e oggi seconda solo dietro al Milan in classifica. Ai rossoblù però servono punti anche dalle partite complesse, e ribaltare completamente un pronostico che per tanti sembra già scritto potrebbe dare la spinta decisiva agli isolani per risalire la classifica.

I precedenti

I rossoblù non vincono a San Siro dal 2014, anno in cui sulla panchina dei nerazzurri sedeva proprio Walter Mazzarri, mentre quella rossoblù era diretta dal boemo Zdenek Zeman. Un 1-4 firmato dalla rete di Sau ma soprattutto dalla tripletta di Albin Ekdal: una vittoria che aveva fatto illudere i tifosi rossoblù che a fine annata avevano dovuto salutare la Serie A. Nella passata stagione finì invece 1-0 per la squadra di casa, grazie alla rete nel secondo tempo di Darmian, dopo che il Cagliari aveva resistito grazie a un’organizzazione difensiva quasi perfetta per più di settanta minuti. Sulle ottantadue partite totali disputate tra le due squadre, 41 si sono tenute a Milano e nella città meneghina l’Inter ha sempre fatto la voce grossa: sono 24 le vittorie all’attivo per i nerazzurri, 10 i pareggi, solo 7, invece, le vittorie a tinte rossoblù. Netto distacco anche nei gol siglati a San Siro: 78 per l’Inter, 41 per il Cagliari, con una media gol a partita di 2.68. Un dato che però scende a 2.4 se si tengono in conto solamente gli ultimi nove incontri tra i due club, in cui però il Cagliari ha perso per 7 volte.

Gol e pareggi

Guardando agli scontri complessivi, il segno X è quello che più volte ha fatto contento il Cagliari. I rossoblù hanno pareggiato 28 volte contro i nerazzurri, un dato secondo solo ai 31 risultati di parità collezionati contro la Sampdoria. E il pareggio in questo periodo è anche il risultato preferito dal Cagliari, che ha strappato sempre un solo punto nelle ultime quattro gare giocate: se la squadra di Mazzarri ottenesse un altro pari, la striscia sarebbe seconda solo a quella fatta registrare dai rossoblù targati Giampaolo, che nel 2006 ne misero in fila 6. Restano però due problemi per il Cagliari e due virtù dell’Inter passata e odierna: il gol e la vittoria. I nerazzurri sono, nei cinque campionati top europei, la squadra che ha vinto più volte in casa nel 2021 con 17 vittorie su 19 partite giocate sul manto erboso di San Siro. Nell’ultimo anno, tra la seconda parte del ciclo contiano e la fase iniziale del nuovo corso di Inzaghi, l’Inter ha messo a segno 94 gol: solo nel 1950, con 99, la squadra ha fatto meglio in termini realizzativi. Il Cagliari, dall’altra, subisce almeno una rete nella San Siro interista dal 1992, anno a cui risale l’ultimo clean sheet isolano. Un dato che la squadra di Mazzarri proverà a invertire, nonostante le difficoltà dimostrate nella prima parte di stagione nel tenere la porta inviolata. Per arginare i campioni d’Italia in carica servirà non solo una gara tatticamente attenta ma anche la volontà di lasciarsi alle spalle quel recente passato in cui il Cagliari ha ottenuto solo 0.4 punti di media in trasferta, il dato più basso tra le squadre di Serie A.

Matteo Cardia

 

Al bar dello sport

2 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti