agenzia-garau-centotrentuno
nandez-uruguay-cagliari

Cagliari, Tabarez e quei segnali a Semplici: Nandez anche terzino?

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

La nazionale toglie, la nazionale dà. La trasferta oltreoceano degli uruguaiani del Cagliari, ben quattro, crea problemi non di poco conto in vista del Genoa. Allo stesso tempo, però, le soluzioni trovate dal CT della Celeste Tabarez possono aiutare Semplici in vista del futuro a lungo termine.

bianchi-immobiliare-centotrentuno

Sguardo in avanti

L’estate ha lasciato strascichi, soprattutto quelli del mercato con i desideri inespressi. Nahitan Nández, non è un mistero, sperava di poter rientrare altrove e non in Sardegna dagli impegni con il suo Uruguay. Gli ammiccamenti – parola usata dal direttore sportivo Capozucca – sono arrivati sia dall’Italia che dall’estero, ma alla fine nessuna offerta congrua è arrivata sul tavolo del Cagliari. Ora il passato resta tale e si aprono le porte di un futuro che significa campionato. Guardarsi indietro e rimestare in ciò che sarebbe potuto essere – o dovuto essere, a seconda dei punti di vista – deve lasciare spazio alla realtà dei fatti, quella che parla di un León giocatore rossoblù almeno fino a gennaio se non oltre. Per il bene comune, sia della squadra che del giocatore, non resta altro che mettere da parte i malumori e concentrarsi sul campo.

Nuova veste

Difficile se non impossibile che Semplici possa avere a disposizione Nández dall’inizio contro il Genoa domenica 12 settembre alla Unipol Domus. Forse in corso d’opera, ma i dubbi sono tanti e figli del viaggio e del fuso orario. C’è però un futuro che va oltre la sfida contro i Grifoni dell’ex Ballardini e che vede il numero 18 rossoblù pronto a fare della duttilità la propria arma. Tabarez ha sfruttato il lavoro di Semplici nella scorsa stagione quando Nández è stato utilizzato prevalentemente da quinto di centrocampo a destra. A tutta fascia, un po’ terzino e un po’ ala a seconda delle situazioni, il León si è così spostato da quel ruolo di interno che lo aveva messo in risalto nel suo primo anno agli ordini di Maran prima e Zenga poi. Ora con la nazionale uruguaiana Nández ha trovato una nuova collocazione, quella di terzino destro nella difesa a quattro che potrebbe essere un’arma anche per Semplici. Come Lippi con Zambrotta così il tecnico toscano con il centrocampista di Maldonado, ora il Cagliari può contare su un giocatore capace di ricoprire più posizioni e migliorato anche sotto l’aspetto tattico difensivo.

Soluzioni

Equlibratore, una funzione che per Nández sembrava lontana anche per deficit di posizionamento che nascevano dalla fin troppa garra. La voglia di strafare lo ha visto, soprattutto nei primi mesi con la maglia del Cagliari, ritrovarsi a dover rincorrere per raggiungere la giusta posizione in campo nella fase di non possesso. Ora però, dopo mesi di apprendistato da esterno con compiti anche difensivi, Nández appare pronto per svolgere quel ruolo di bilanciamento che Semplici richiede ai suoi esterni. Un po’ terzino e un po’ ala, ma con capacità tattiche decisamente superiori ai suoi primi due anni in Serie A. È vero che con il mancato arrivo di un interno di centrocampo – e con Zappa e Bellanova come alternativa sulla fascia – il León potrebbe tornare al vecchio ruolo di mezzala destra, nel quale la sua grinta e la sua capacità d’inserimento in verticale possono dare una grossa mano al Cagliari, ma quanto visto sia in Coppa America che nelle ultime partite di qualificazione ai Mondiali del Qatar regala a Semplici ulteriori soluzioni sia dall’inizio che in corso d’opera.

Una nuova stagione pronta a prendere il via per Nahitan Nández dopo i malumori per un mercato non andato nella direzione desiderata. Un’occasione persa per il salto in alto tanto agognato, ma anche una nuova chance di farsi notare in vista del futuro. Un giocatore che con la sua duttilità potrebbe aver perso sì un treno, ma non per sempre, e che con la maglia rossoblù dovrà dimostrare di poter meritare offerte congrue al di là delle promesse non mantenute.

Matteo Zizola

 

Al bar dello sport

3 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti