agenzia-garau-centotrentuno
Brian Rodriguez con la maglia della Celeste

Dall’idea Cagliari alle occasioni perse: la parabola di Brian Rodriguez

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Porte scorrevoli, in inglese sliding doors. Un concetto, una metafora di vita. Quella metropolitana quasi raggiunta e persa all’ultimo, il destino che cambia. Chissà cosa sarebbe successo se ci fossimo saliti, magari avremmo incontrato la chiave del nostro futuro, positiva o negativa. Oppure, non salendo sul vagone, abbiamo cambiato comunque il corso degli eventi.

bianchi-immobiliare-centotrentuno

Treno Cagliari
Di porte scorrevoli ne è pieno il calciomercato e lo sanno bene Brian Rodriguez, il Los Angeles FC e il Cagliari. Per trovare le sliding doors dell’esterno d’attacco uruguaiano bisogna risalire allo scorso ottobre, quando la società rossoblù provò a portarlo in Sardegna. Un’offerta ufficiale inviata al club della MLS, rigettata per via di quell’obbligo di riscatto a condizioni troppo complicate per tramutarsi in realtà. Un discorso di presenze e minutaggio e così il Los Angeles decise di rispedire al mittente la richiesta. E qui arriva la prima svolta del destino. Quella che coinvolge Adam Ounas, ultimo affare del mercato estivo per completare al posto di Rodriguez il 4-3-3 di Di Francesco. Come è finita tra l’algerino e il Cagliari è noto, poche presenze e a gennaio il passaggio al Crotone. Così come è nota la fine tra il tecnico abruzzese e il club rossoblù, il tridente in soffitta e l’esonero dopo un filotto negativo che aveva portato la squadra nel baratro.

Occasione persa
Gennaio, Brian Rodriguez cambia agente e il Cagliari diventa solo un ricordo. Sliding Doors, appunto. A portare in Europa ci pensano gli Spagnoli dell’Almeria, Segunda División, la Serie B italiana. Obiettivo la promozione in Liga, la velocità e i dribbling di Brian Rodriguez per tentare la scalata. Sedici presenze, un assist, zero gol e la scalata diretta verso le sfide contro Barcellona, Real e Atlético fallita. I playoff per una seconda possibilità, anche per far scattare l’obbligo di riscatto e, chissà, restare in Spagna. Rodriguez però vorrebbe trovare la felicità altrove, salutare Almeria e “tornare a sentire l’adrenalina di quando giocavo al Peñarol”.

Dichiarazioni che gli sono costate l’esclusione dalla squadra assieme al litigio con il compagno Umar Sadiq per chi avrebbe dovuto calciare una punizione. Ora il ritiro con la nazionale Celeste e un ritorno in Andalusia sempre più lontano. Il Los Angeles FC ha investito tanto sul classe 2000 e difficilmente riuscirà a ottenere quanto richiesto al Cagliari meno di un anno fa. Così come dopo l’esperienza spagnola è altrettanto difficile che Tommaso Giulini torni alla carica. Sliding doors, appunto.

Matteo Zizola

 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti