agenzia-garau-centotrentuno
pavoletti-cagliari-olbia

Dallo Spezia allo… Spezia: così Pavoletti si è ripreso il Cagliari

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Dallo Spezia allo Spezia. La rinascita di Leonardo Pavoletti, in fondo, è passata proprio da quei nove mesi intercorsi tra la sfida contro i bianconeri dello scorso 29 novembre al primo assaggio della nuova Serie A in programma domani. Tra colpi di testa, sportellate e spirito da leader, la punta livornese sarà ancora una delle principali certezze nel nuovo Cagliari di Leonardo Semplici.

bianchi-immobiliare-centotrentuno

Ritorno
Colpo di tacco, gol ed esultanza per spolverare via dalle spalle le ultime ombre di un doppio infortunio al ginocchio che lo aveva tenuto lontano dal campo per più di una stagione. Click, flash e fotografia da custodire gelosamente nell’album dei suoi ricordi rossoblù fatto dalle istantanee di 107 presenze totali e 33 gol nell’isola. Nella nona giornata di andata del campionato scorso, contro lo Spezia dell’allora tecnico Italiano, l’attaccante rossoblù ritrovava quel gol tanto amato che gli mancava dalla sfida con l’Udinese del 26 maggio 2019. Un’era calcistica prima. Da quel momento, poi, tutto è cambiato per il numero 30 ex Genoa e Sassuolo. Prima alcuni spezzoni in campo sotto la guida di Eusebio Di Francesco, poi la complicata caccia alla miglior forma fisica e i tanti rumors di mercato che lo vedevano a un passo dall’addio alla Sardegna. Infine, invece, il definitivo rientro al centro del progetto sardo e il copione da attore protagonista consegnatogli direttamente da Leonardo Semplici. Il tecnico toscano non ha avuto dubbi fin dal primo istante dopo il suo atterraggio in terra sarda: sarebbe dovuto essere Pavoletti l’ingranaggio più adatto per far rendere al meglio il suo oliato 3-4-1-2. Un modulo che fa della ricerca continua della boa offensiva un vero e proprio credo.

Al centro
Con il tecnico toscano in panchina il livornese è quasi rinato. Ri-vedere, per credere, le tre firme nei tre fondamentali scontri diretti contro Crotone, Parma e Benevento dello scorso campionato. Fisico e carismatico, Pavoletti si è dimostrato un elemento chiave nella miracolosa rincorsa salvezza del Cagliari. Secondo quanto riportato dalla piattaforma di raccolta dati Understat.com, la punta rossoblù ha chiuso la sua annata con un secdono posto nella classifica dei rossoblù con più Expected Goals (azioni da rete potenziali) creati: 7,45. Dietro soltanto a bomber Joao Pedro, primo in questa particolare classifica con un punteggio di 13,29. Dopo essere partito titolare anche nell’esordio stagionale contro il Pisa in Coppa Italia, ora Pavoletti è pronto a tuffarsi nella sfida Serie A. Un banco di prova importante per il trentaduenne, attualmente unica grande certezza – dopo capitan Joao Pedro – nel cuore di un attacco cagliaritano che potrebbe presto subire improvvisi sconvolgimenti.

Dallo Spezia allo…Spezia. Leonardo Pavoletti ha riacquistato a suon di prestazioni e colpi di testa il posto da titolare ed è ora pronto a tenere lontano dalle montagne russe il suo Cagliari. L’obiettivo? Guidare il club verso una salvezza più tranquilla e migliorare ancora il proprio score.

Alessio Caria

 

Al bar dello sport

3 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti