Jason Burnell con Cantù 11,7 punti di media a partita

Dinamo, chi per il dopo Pierre?

Iniziano a circolare vari nomi per la Dinamo Sassari che verrà.

Con l’ormai più che possibile conferma di Dwayne Evans rimangono da occupare così solo 2 posti del quintetto titolare, quello di ala piccola e di guardia. Saranno sicuramente titolari per coach Gianmarco Pozzecco il centro Miro Bilan e Marco Spissu, forti di un contratto pluriennale e, come dovrebbe essere a breve ufficiale, proprio Evans: quest’ultimo potrebbe essere anche utilizzato nello spot da “3” in alcune situazione per avere un quintetto molto fisico, ma la prerogativa rimane quella di trovare una vera ala piccola capace di sostituire il partente Dyshawn Pierre. 

Chi dopo il canadese? – “E’ molto complicato sostituire Pierre visto che ci sono pochi giocatori così, penso però che sia bello poter ricominciare un percorso come abbiamo fatto con Pierre che prima dell’esperienza in Dinamo giocava nell’ultima squadra della lega tedesca”.- questo il pensiero del General Manager Federico Pasquini sull’ormai ex 21 biancoblù, destinato quasi sicuramente al grande salto in Eurolega o nella migliore delle ipotesi saltare sull’ultimo treno disponibile per l’NBA. Obiettivo della Dinamo Sassari potrebbe essere quindi quello di poter cominciare un percorso di crescita simile a quello fatto da Pierre: ecco quindi che radio-mercato ha cominciato a fare nomi anche in quest’ottica. Il profilo più interessante è quello fatto da Sportando, Jason Burnell: il giocatore di Cantù, classe 1997, ha chiuso una più che discreta prima stagione al PalaDesio mettendo a referto 11,7 punti e 5,2 rimbalzi di media. Un cestista simile a Pierre se vogliamo in alcuni aspetti, capace di portare palla in transizione, abbastanza abile spalle a canestro quando c’è da fare a sportellate e con un 34 % da oltre l’arco in stagione. L’altro nome circolato nelle scorse ore è quello di Jay Sean Tate: secondo La Prealpina lo staff biancoblù ha messo gli occhi sul classe 1995 reduce da un’esperienza in Australia con i Sydney Kings. 198 centimetri per 106 chili, il prodotto di Ohio State ha avuto anche una breve esperienza europea in un campionato non di primissimo pelo come quello belga vincendo il titolo nazionale con gli Antwerpen Giants. Ma attenzione anche ai colpi a sorpresa nel caso la Dinamo trovi l’occasione di far suo un nome consolidato: uno potrebbe essere anche quello di Alessandro Gentile, che non rimarrà sicuramente all’Aquila Trento. Una possibile mancanza di offerte appetibili da squadre di Eurolega ed Eurocup, potrebbe magari convincere il nazionale azzurro a raggiungere il fratello Stefano in Sardegna.

Cambio della guardia – Sembra ormai agli sgoccioli l’avventura di Michele Vitali a Sassari; la guardia potrebbe ritornare a Brescia, ma ha offerte anche da squadre estere. La Dinamo Sassari cercherà il colpo in questo ruolo: Trevor Lacey e Adrian Banks rimangono le suggestioni, un pensierino anche ad Amedeo Della Valle che sembra però destinato all’Alba Berlino. Nelle ultime ore è caldo il nome di Adrian Filloy, riportato anche da La Gazzetta dello Sport: l’italo-argentino potrebbe uscire dal contratto con Venezia, ma difficilmente potrebbe essere il titolare nella Dinamo e la società guarda a lui come un ottimo giocatore da far uscire dalla panchina.

Matteo Porcu

AL BAR DELLO SPORT

guest
1 Commento
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Giuseppe
Giuseppe
01/06/2020 12:45

Peccato non riuscire a tenere PIERRE, penso andrebbe bene Tate oppure anche Burnell. Non prenderei MAI Alessandro Gentile ( che potrebbe essere un ottimo giocatore se solo capisse che non può giocare da solo ). Non si sa niente invece di Diop che pareva una promessa molto interessante. Stiamo a vedere ………. se son rose fioriranno. Forza DINAMO. GA: