agenzia-garau-centotrentuno
battle-mekowulu-dinamo

Dinamo, contro Trieste è già una gara da non sbagliare

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Nessuno, nemmeno il tifoso più sfegatato, avrebbe sperato nell’impresa al Forum d’Assago, cosa a cui la Dinamo Sassari aveva abituato i suoi tifosi nelle stagioni passate: in un momento ancora di transizione e non proprio positivo dal punto di vista dei risultati, i biancoblù hanno preso un “trentello” nel finale che di certo non ha accontentato, in primis l’allenatore Demis Cavina.

Chi mal comincia…
Difficile giocare contro la corazzata  meneghina, perfetta in campionato e in Eurolega se si esclude la serata storta con il Bayern Monaco in cui comunque la vittoria era sfuggita per pochi punti. La profondità e la quadratura del roster di Messina e del grande ex Pozzecco (non sono mancati gli abbracci finali con i suoi ex biancoblù) sono dei fattori che rendono ingiocabile per chiunque la gara. Eppure per alcuni tratti sembrava esserci anche partita tra il Banco e l’Armani, nella parte centrale della gara quando i sassaresi avevano trovato un minimo di continuità. Sotto accusa nelle parole di Cavina l’inizio gara e il finale, quando i punti di divario sono lievitati:  “L’inizio non me lo aspettavo, dopo aver cambiato anche il quintetto siamo partiti con quattro, cinque canestri troppo facili di Milano. E la fine perché penso che non dovessimo concedere questo divario, seppur esistente ed evidente tra noi e loro, ma il divario finale non mi piace”. Cavina ci aveva provato a cambiare le carte in tavola, inserendo un quintetto più fisico con Battle e Treier, ma l’impatto dello starting five non è stato di certo ideale. Nel finale poi, vuoi per la rassegnazione vuoi per una Milano sul velluto, i punti di margine sono saliti a 29 con due giocatori che non hanno convinto per niente il coach: “Se non facciamo canestro dobbiamo avere un’intensità diversa, è quella che purtroppo non abbiamo avuto all’inizio e partiva da lui, da Clemmons e Mekowulu. Sono leggermente arrabbiato su questa cosa, si può non fare canestro, puoi sbagliare letture o passaggi, ma non puoi prescindere dall’intensità, soprattutto su questo campo”. 

Speranza Diop
L’unica nota lieta della gara è stato il rientro di Ousmane Diop: il peso del reparto lunghi ora non graverà solo sul solo Mekowulu che ha tirato la carretta con un poliedrico Kaspar Treier nell’insolito ruolo di 5 in alcuni frangenti, insieme a scampoli di Borra e Gandini. Il senegalese ha messo in campo 18 minuti incoraggianti dopo il lungo stop: “Sono molto contento dell’impatto di Diop, un po’ anche perché l’ho visto crescere negli ultimi due anni a Torino”- il commento di Cavina. Sette i punti a referto di cui una tripla per sottolineare ancora le diverse dimensioni che può rivestire il numero 25 biancoblù. Da lui e dalla voglia di riscatto di alcuni giocatori (Clemmons e Mekowulu su tutti) deve ripartire una Dinamo che ha una settimana di lavoro completa prima di un nuovo tour de force. Sabato al Pala Serradimigni è attesa la Pallacanestro Trieste, squadra che nelle ultime stagioni ha anche espugnato il fortino sassarese: una partita che non sarà da sbagliare, più per il suo peso specifico che per l’importanza dei punti in una classifica del campionato italiano molto corta.

Matteo Porcu

 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti