agenzia-garau-centotrentuno
bendzius-burnell-dinamo-venezia-canu

Dinamo Sassari, tra conferme e poche ma importanti novità

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Nel dizionario della Dinamo Sassari 2021-2022 la parola cerchiata in rosso è continuità. Quattro quinti del quintetto confermati, grazie alla scelta di Bendzius e Burnell di rimanere di casa sul parquet del PalaSerradimigni. La firma di Tyus Battle, dopo quella di Christian Mekowulu, è uno degli ultimi e pochi nuovi tasselli utili a completare il mosaico biancoblù. L’arrivo dell’ex Syracuse porta quell’imprevedibilità e esplosività fisica che erano mancate nella scorsa annata, con un impatto che potrebbe essere ancora più importante se il giocatore dovesse uscire dalla panchina. Manca solo uno spot, quello di guardia tiratrice pura: tutte le strade sembrano portare a David Logan ma è ancora presto per dirlo.

bianchi-immobiliare-centotrentuno

Fiducia e aspettative

«Siamo contenti di aver aspettato Bendzius e Burnell», ha dichiarato Federico Pasquini durante l’intervista rilasciata a Dinamo Tv. Per l’americano classe ’97, protagonista di un’ottima prima stagione a Sassari e alla sua seconda da pro, l’attesa è stata più lunga. Pasquini non ha mai mollato la presa, convincendo il giocatore a rimanere in biancoblù per confermare quanto di buono fatto vedere nell’ultima annata, in cui sia in attacco – con importanti miglioramenti al tiro – che in difesa l’ala è stata protagonista. La stagione 2021-2022 potrebbe essere quella della definitiva esplosione dell’ex Cantù, con Sassari pronta a diventare il palcoscenico ideale. Per il lituano invece il discorso è stato diverso. Già alcune dichiarazioni d’amore verso l’ambiente sassarese ne avevano reso quasi certa permanenza, così come le prestazioni offerte avevano convinto la società a trattenerlo. La scadenza della clausola per uscire dal contratto datata 30 giugno, ha fatto sì che la Dinamo si assicurasse nuovamente il terzo miglior tiratore della LBA dai 6.75 – 46.9 % in stagione – ma soprattutto un giocatore in grado di fare la differenza anche per i compagni aprendo il campo. Complementare a Burnell, delle caratteristiche di gioco del lituano potrebbero approfittarne anche Mekowulu, più esplosivo e “interno”, e Battle, giocatore che ama attaccare il ferro.

L’importanza degli italiani

Sul fronte italiani, il pacchetto è ancora da completare ufficialmente: se arriveranno le firme di Chessa e Gandini, i due faranno ancora da chioccia al gruppo insieme allo storico capitano Jack Devecchi: uomini con pochi minuti in campo ma dal grande impatto emotivo sullo spogliatoio e di fondamentale importanza nel lavoro settimanale. Spissu e Gentile avranno ancora più responsabilità rispetto allo scorso anno. Il play sassarese, fresco di convocazione per Tokyo 2020, ha lasciato uno spiraglio ancora aperto verso lidi di livello superiore ma si è detto anche pronto per la Dinamo, dove ritroverebbe coach Cavina, già avuto in una delle prime esperienze senior a Derthona. Gentile, legato contrattualmente, ha guadagnato sul campo il posto da titolare, rispondendo presente specialmente dopo l’infortunio di Pusica. La partenza in quintetto è data quasi per certa, un’occasione importante per la guardia arrivata a Sassari dal 2018. Infine, Diop e Treier avranno il tempo per crescere e di mettersi in mostra: per il lungo di rientro a Sassari dopo l’esperienza a Torino, l’unico timore è quello legato a una possibile operazione di pulizia a un ginocchio che potrebbe ritardarne l’entrata in condizione.

Manca poco all’inizio della nuova stagione e la Dinamo, tra molte conferme e poche ma importanti novità, è quasi pronta per presentarsi al nastro di partenza.

Matteo Cardia

 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
sandy-sardinia-spiagge-sardegna