agenzia-garau-centotrentuno

Mercato, porte girevoli a centrocampo

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Il Cagliari si appresta a giocare la seconda amichevole nel ritiro di Pejo (ore 17:30 contro la Feralpi Salò) dopo che ieri è andata in scena la presentazione della squadra nella piazza principale di Cogolo, con la presenza del presidente Tommaso Giulini (che parlerà stasera alle 19:30) e dell’amministratore delegato Mario Passetti.

Nel frattempo arrivano novità sul fronte del mercato, nonostante il weekend rallenti le operazioni sia in entrata che in uscita. Innanzitutto due cessioni sono diventate ufficiali: Caligara e Capello si sono uniti al Venezia, il primo in prestito secco il secondo a titolo definitivo.
Per quel che riguarda invece le trattative più calde, dalla Grecia rimbalza la notizia che Filip Bradaric sarebbe sempre più vicino a vestire la maglia del PAOK Salonicco. I campioni ellenici avrebbero alzato la loro offerta, passando da 4 a 5 milioni di euro, ma soprattutto avrebbero aumentato la percentuale in caso di futura rivendita del giocatore croato, accontentando così il Cagliari.
Sul fronte Mirko Rog è Daniele Baiocchini di Sky a confermare il prossimo arrivo nel ritiro di Pejo del centrocampista ormai ex Napoli: domani le visite di rito a Milano, poi il croato raggiungerà i suoi nuovi compagni e si metterà a disposizione di Maran.
Infine la telenovela Nandez ferma sempre alle ultime notizie di 48 ore fa: in Argentina regna il silenzio, durante il fine settimana difficilmente arrivano novità dalle diverse fonti e sembrerebbe sempre più probabile la presenza del centrocampista uruguaiano nella trasferta del Boca Juniors in Brasile per l’andata degli ottavi di Copa Libertadores. A conferma di ciò lo slittamento dell’arrivo a Buenos Aires di Daniele De Rossi, pronto a vestire la maglia Xeineze, ma bloccato in attesa dell’uscita di Nandez verso Cagliari per il noto tetto degli stranieri nella Superliga argentina.
Ore dunque di calma per il calciomercato rossoblù, la parola passa momentaneamente al campo.

Matteo Zizola