L esultanza di Cestaro in Carbonia-Latte Dolce | Foto Fabio Murru

Muravera, Carbonia e Lanusei: le sarde che sorridono in D

GioveDì di vigilia, ma sotto l’Albero di Natale non tutte le squadre sarde della Serie D troveranno doni e dolci. Per qualcuna anche molto carbone. Con il momento deludente delle sassaresi che sperano che la Befana porti via non solo le feste ma anche tutti i problemi mostrati in questa prima parte di campionato. Per chi non lo avesse ancora fatto vi rimandiamo all’analisi di Latte Dolce e Torres , mentre in questo articolo ci dedichiamo al momento di forma di Muravera, Lanusei e Carbonia. Tutte e tre vincenti prima della sosta. Sperando, infine, di rivedere l’Arzachena in campo il più presto possibile nel 2021, dopo i numerosi casi di positività al virus avuti dagli smeraldini in questo sfortunato dicembre.

Muravera – “Tre punti in più verso la salvezza”. Ha chiuso così l’analisi della vittoria in casa dell’Afragolese per 3-2 mister Loi. Omologando così la gara di Afragola del suo Muravera. Ormai quello del tecnico dei gialloblù è un mantra, e serve a tenere la squadra operaia nella testa. Però i sogni del Muravera sotto Natale sono più concreti che mai. Terzo posto in solitaria, tre vittorie e un pareggio nelle ultime quattro giocate. Insomma, i sarrabesi sono una delle avversarie che nessuno vorrebbe mai incontrare di questo girone G. Per strada sono stati lasciati dei punti importanti, specie contro Cassino ma soprattutto Giugliano, ma pensare che questa squadra riesca a vincere con continuità nelle trasferte in Campania (il 2-0 in casa del Savoia è un segnale), pur senza giocatori fondamentali come Geroni e Demartis è un chiaro messaggio. Il Muravera è squadra vera, che forse non amerà specchiarsi troppo e che magari in alcuni momenti potrà sembrare anche meno bella di altre realtà isolane, ma al momento una squadra pronta in campo e a livello mentale come i gialloblù non c’è nella Serie D delle sarde. Il vero dubbio è: quando la classifica non permetterà più di nascondersi come reagirà questo gruppo?

Carbonia – Sei matto come il Carbonia. Squadra che non annoia quella di mister Mariotti. Dopo il 4-0 di Cassino il vice Marica aveva dichiarato che Mariotti non avrebbe parlato perché stava già pensando alla sfida contro il Latte Dolce. E alla fine ha avuto ragione il tecnico laziale. Un 3-2 pazzo contro i ragazzi di Udassi che però ha mostrato a tutti la vera forza del Carbonia: il gruppo. Senza fissa dimora ma con uno spirito da vera famiglia. I minerari sono una delle più grandi sorprese di questo girone. L’obiettivo è la salvezza ma potenzialmente il Carbonia è in zona playoff. Hanno una gara in meno e potrebbero scavalcare il Savoia, squadra costruita sicuramente con diverse ambizioni. Difficile però fare progetti per una realtà che vive un po’ alla giornata. C’è curiosità di capire cosa sarà di questo Carbonia anche nel 2021. Al momento la società deve mettere alcuni punti fermi, su tutti sulla questione stadio, però se l’incantesimo non dovesse rompersi sono state gettate le basi per un progetto interessante.

Lanusei – Aveva chiesto una svolta mister Greco e il suo Lanusei ha risposto presente: 5-1 al Team Nuova Florida nello scontro salvezza del Lixius. Conferme importanti per una squadra giovane che fin qui ha sì giocato bene ma che ha anche faticato a trovare punti con continuità. Specie in casa. Risultato rotondo che permette al Lanusei di guardare alla sosta con uno spirito diverso. Gli ogliastrini arrivavano da tre sconfitte pesanti, però causate anche da un calendario proibitivo: Latina, Monterosi e Vis Artena. Prima, seconda e quarta del campionato. Per questo Lanusei è ancora presto per giocarsela alla pari con quelle realtà, però nel momento del bisogno la squadra di Greco ha mostrato di saper togliere fuori gli artigli e di andare a prendersi i punti che servono per lottare nella corsa alla permanenza in quarta serie. In potenziale questo Lanusei, per come esprime calcio, ha in sé anche la forza di combattere un po’ più avanti della zona salvezza. La squadra deve però ancora crescere tanto, fino a febbraio il mercato sarà aperto e se arrivasse qualche giocatore di esperienza per guidare il gruppo magari trovare continuità di punti sarebbe anche più facile.

Un augurio di buone feste a tutte le società sarde della Serie D dalla redazione di Centotrentuno, ci rivediamo nel nuovo anno con la speranza di raccontare giornate da protagoniste per le realtà isolane della quarta serie.

Roberto Pinna

TAG:  Serie D
 
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti