agenzia-garau-centotrentuno
nandez-uruguay-cagliari

Nandez-Nainggolan e Godin: weekend con la valigia in mano tra Cagliari e Milano

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

La valigia come stato d’animo. C’è il bagaglio pesante, trascinato a fatica. Le ruote che si muovono lente di un trasloco o di un pezzo di vita che non si vorrebbe abbandonare. E poi c’è lo zaino leggero ma pieno di sogni di chi parte per una nuova avventura con la mente che viaggia tra illusioni e speranze.

bianchi-immobiliare-centotrentuno

Profumo di Sardegna

Sulle spalle giusto qualche ricambio, un weekend lungo iniziato nella serata di giovedì 29 luglio in vista di un rientro a Milano previsto per domenica. Radja Nainggolan è atterrato a Cagliari sfruttando la pausa degli allenamenti in casa Inter. Gli amici di sempre con cui passare alcuni giorni di relax, ma soprattutto la volontà di non salire sul volo di ritorno e fermarsi in Sardegna. Perché il Ninja, come è ormai noto, vuole il Cagliari e solo il Cagliari. Niente di nuovo, non fosse per quanto accade proprio sotto la Madonnina e che appare legato a doppio filo con il destino del centrocampista belga. Nainggolan è infatti uno dei tasselli per chiudere la questione Nahitan Nández, un’operazione che potrebbe sbloccarsi da un momento all’altro anche grazie all’inserimento della quota Ninja. Che, di fatto, vorrebbe dire la famosa buonuscita da circa due milioni che l’Inter verserebbe al giocatore e un aiuto per l’ingaggio per questa stagione. Nelle pieghe del regolamento c’è anche spazio per un prestito creativo nonostante il contratto in scadenza nel 2022, possibilità che abbasserebbe la minusvalenza nerazzurra e aprirebbe ancora di più lo spazio per uno stipendio condiviso.

Segnali

Nel frattempo c’è chi la valigia l’ha appena appoggiata sul suolo francese, di passaggio verso l’Italia. Non in Sardegna come previsto in un primo momento, ma nella penisola grazie al permesso extra ottenuto dal Cagliari. Nahitan Nández sarebbe infatti a Milano in compagnia del suo agente Pablo Bentancur in attesa di chiudere la partita del suo passaggio in maglia nerazzurra. Una partita di fatto conclusa tra il León e l’Inter, accordo da 3 milioni a stagione più bonus per 4 anni, mentre continuano le prove di avvicinamento tra le due società. Non solo Nainggolan e i vari calcoli sullo stipendio del Ninja, ma la prima rata sotto forma di prestito oneroso per la quale si cerca di far combaciare domanda e offerta. L’Inter è sempre più vicina ai 5 milioni più 25 richiesti dal presidente Tommaso Giulini, ma attenzione anche alle contropartite con il solito Pinamonti in prima fila. “I discorsi con l’Inter vanno avanti, se l’accordo sarà congruo Nahitan partirà”, queste le parole del direttore sportivo rossoblù Stefano Capozucca a Sky Lab. E l’accordo congruo e creativo potrebbe arrivare proprio a stretto giro, d’altronde le vacanze extra hanno un significato difficilmente travisabile.

L’ora della verità

Infine c’è chi la valigia vorrebbe disfarla per restare in Sardegna, senza tenerla chiusa in vista di un volo in direzione Istanbul. Nonostante in Turchia siano sicuri di avere in mano Godín, con il Beşiktaş che attende l’eventuale risoluzione del suo contratto con il Cagliari per portarlo in bianconero, la società rossoblù proverà a offrire al Faraone un nuovo accordo al ribasso. Godín vorrebbe restare agli ordini di Semplici, anche perché, in fondo, i campioni di Turchia offrono sí la Champions League, ma non vanno oltre un’offerta da un milione e mezzo a stagione per due anni. Lontana, e tanto, dall’accordo in essere con il Cagliari, pomo della discordia che ha aperto le porte alla sua partenza. Il capitano della Celeste è pronto al faccia a faccia con la società, poi la scelta della strada da intraprendere diventerà finalmente più chiara. Salutare, ma senza ottenere lo stipendio sperato nemmeno in Turchia, oppure restare cercando un accordo che possa fare felici tutti.

Matteo Zizola

 

Al bar dello sport

2 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti