agenzia-garau-centotrentuno

Beffa nel finale | LE PAGELLE

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Altra giornata da dimenticare per l’Olbia, sconfitta dal Cuneo per 1-2 al Bruno Nespoli in un finale caratterizzato dalla paura e dalle proteste, per via del contestato gol di Defendi che si è scontrato con Marson in uscita.

La Cronaca: Monologo gallurese nel primo tempo con Cardelli che risponde d’istinto al colpo di testa di Ogunseye da distanza ravvicinata deviandolo sulla traversa. Al 37′ doppio miracolo del portiere ospite: prima sull’incornata in tuffo di Ogunseye poi sul tap-in di Ceter che rinvia di qualche minuto l’appuntamento col gol. Arriva, infatti in chiusura dei primi 45′ il vantaggio dei Bianchi col colombiano abile a scavalcare Cardelli di testa dopo un’incertezza di Santacroce. Al rientro dagli spogliatoi è un altro Cuneo. I piemontesi si alzano, senza però creare particolari pericoli a Marson fino al 67′ quando l’estremo difensore di casa frana su Jallow provocando il penalty: dal dischetto Kanis non sbaglia e firma l’1-1. L’Olbia prova a reagire e si porta nella metà campo offensiva, ma la difesa della squadra di Scazzola regge. Il finale è palpitante: all’89’ Ceter si lascia ipnotizzare da Cardelli in uscita, poi come a un fulmine a ciel sereno, arriva il vantaggio cuneese. Lancio dalle retrovie, la difesa si addormenta, e Defendi colpisce di testa anticipando Marson che crolla a terra dopo un duro scontro con l’attaccante. Le proteste infuriano, ma l’arbitro Fontani concede il gol: il portiere friulano rimane per 10′ a terra prima dell’intervento dell’ambulanza sul campo di un Nespoli ammutolito.

Olbia-Cuneo 2-1 | 25ª giornata di Serie C Girone A 

Olbia: Marson (101′ Van der Want), Cotali, Iotti, Bellodi, Pinna, Muroni, Vallocchia, Biancu (57′ Pennignton), Ragatzu (87′ Peralta), Ceter, Ogunseye. A disposizione: Romboni,  Pitzalis, Pisano, Cusumano, Gemmi, Maffei. Allenatore: Filippi

Cuneo: Cardelli; Castellana, Pecorini (89′ Said), Cristini, Santacroce, Marin (89′ Spizzichino), Suljic, Bobb, Emmausso (61′ Defendi); Jallow (76′ Bertoldi), Kanis (76′ Caso). A disposizione: Gozzi, Tafa, Piretro, Celia. Allenatore: Scazzola

Arbitro: Fontani di Siena, assistito da Colasanti (Grosseto) e Pragliola (Terni)

Marcatori: 43′ Ceter (O), 67′ rig. Kanis (C), 92′ Defendi (C)

Ammoniti: Marin (C), Vallocchia (O)

LE PAGELLE

Marson 5,5 – Inoperoso per 60′, sbaglia il tempo dell’uscita su Jallow concedendo il rigore agli ospiti. Sfortunato protagonista nel finale su un’uscita alta sul gol dell’1-2: tanti altri arbitri avrebbero fischiato un fallo  a suo favore in un episodio che rimane molto dubbio.

Cotali 6: più abbottonato rispetto a Pinna in fase offensiva in una gara caratterizzata da un’attenta copertura difensiva.

Iotti 5 – guida perfettamente la difesa per oltre 60′, ma poi compie due decisivi errori: si lascia sfuggire Jallow in occasione del rigore e si addormenta sul lancio lungo che propizia la rete di Defendi.

Bellodi 5,5 – come il compagno di reparto Iotti, il centrale mantovano poteva far meglio nell’episodio finale dopo aver giocato una partita senza sbavature.

Pinna 6,5 – crea pericoli alla difesa cuneese grazie alla sua propositivitá nella fascia di competenza. L’intesa con Vallocchia in quel settore del campo è uno dei punti di forza dell’Olbia.

Muroni 5,5 – per oltre un tempo fa da filtro davanti alla difesa e svolge una gara ordinata in fase di impostazione, poi cala alla distanza.

Vallocchia 6 – il centrocampista unisce qualità e quantità, ma anche lui soffre nel finale di gara.

Biancu 6 – svolge bene il suo compito nella posizione di mezzala sinistra rendendosi utile in fase di interdizione (dal 57′ Pennington 5,5 – non un buon impatto dalla panchina per l’australiano che non è riuscito a far svoltare il centrocampo olbiese negli attimi di maggiore sofferenza)

Ragatzu 5,5 – svaria tanto con la consueta eleganza dietro le due punte senza però trovare il guizzo. (dall’87’ Peralta sv)

Ceter 6,5 – pressing e tanta corsa per il colombiano che è lesto nel fiondarsi sul cross che scavalca un ingenuo Santacroce sul gol del vantaggio. Rimane però la macchia dell’errore a tu per tu con  Cardelli all’89’ che avrebbe potuto regalare un risultato ben diverso ai suoi.

Ogunseye 5,5 – non una giornata da ricordare per l’ariete che avrebbe potuto sfruttare meglio due occasioni nel primo tempo.

All. Filippi 5,5 – Tralasciando l’episodio dubbio finale, il pareggio sarebbe stato già un risultato negativo contro un Cuneo non certo irresistibile. Manca un po’ il coraggio di cambiare modulo e uomini per cercare di dare una svolta.

Matteo Porcu

TAG:  Serie C