agenzia-garau-centotrentuno
udoh-olbia-giana-centotrentuno-sanna

Olbia: vincente e fortunata, a Pistoia per il bis

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram
sardares
sardares

Controllo di palla orientato a liberarsi dal marcatore, il tempo di alzare la testa e mirare all’angolino prima di alzare le braccia per esultare. Firmato King Udoh. La vittoria corsara di Grosseto (0-1 per i bianchi) è racchiusa tutti in quei pochi secondi che valgono 3 punti, puliscono con un colpo di spugna 90 minuti incolori e permettono di arrivare al giro di boa del girone d’andata in decima posizione, ultima utile per i play-off. Per ribadire l’antico adagio: c’è da lavorare, ma dopo una vittoria è sempre tutto più bello.

Accortezza

Il trend delle ultime partite è piuttosto chiaro: in primis non prenderne. E su questo i Canzi-boys hanno mostrato ampi passi avanti: un solo gol subito nelle ultime quattro uscite e 7 punti in carniere che hanno tenuto i bianchi in piena bagarre per i play-off. Il cambio modulo, coi 3 difensori centrali coadiuvati dai braccetti esterni, ha portato sicuramente più copertura a tutela di Van der Want, anche se bisogna necessariamente tenere presente gli avversari affrontati: in queste quattro partite l’Olbia ha perso contro chi la precedeva (Vis Pesaro) e fatto punti contro chi la seguiva (vittorie con Pontedera e Grosseto, pari con la Fermana). Insomma: si attendono esami più probanti.

Vena offensiva

Quello che appare più chiaro, invece, è che a rimetterci più di tutti di questa maggiore accortezza difensiva è la fase offensiva, visto che gli ultimi 25 metri sembrano diventati un rebus di difficile soluzione. Con Biancu e Ragatzu non particolarmente ispirati, il primo tempo si è ridotto ad una sforbiciata di Pinna e qualche folata estemporanea.
Poco meglio nella ripresa, soprattutto in seguito agli ingressi di Udoh e Palesi che hanno dato maggior vigore alla manovra nella metà campo avversaria, costruendo l’azione con cui l’attaccante ha colpito la traversa, prima dell’invenzione individuale che ha risolto il match. Insomma: senza un guizzo personale al momento la squadra non ha la stessa facilità di gioco cui aveva abituato.

Futuro

Il tempo ci dirà se il trend verrà confermato anche al cospetto delle big, ma nel frattempo l’ultimo impegno del 2021 propone la trasferta a Pistoia per il primo turno del girone di ritorno. L’olandesina ha gli stessi punti dei bianchi (24) ma all’andata fu 3-2 per i guardiani del faro (doppietta Emerson e rigore di Ragatzu) che al “Melani” hanno anche il dolce ricordo della vittoria nella stagione scorsa. Chiudere l’anno solare con 3 punti confermerebbe il posto play-off mettendo sotto l’albero il regalo più bello.
C. In.

Claudio Inconis

TAG:  Olbia
 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti