Vincono gli sbadigli | LE PAGELLE

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Cronaca, tabellino e pagelle di Juventus-Cagliari, seconda giornata di ritorno del Primavera 1.

Tra Juventus e Cagliari, nell’innevata Vinovo, vincono gli sbadigli. Reti bianche e un punto che va bene ai sardi, in piena linea di galleggiamento al centro del Primavera 1. Match con pochi sussulti, di fatto nel primo tempo più un paio (uno per parte) nel finale, e tanta battaglia. Di seguito cronaca, pagelle e tabellino del match!

LA CRONACA

Le formazioni – Max Canzi sceglie Contini con Doratiotto in avanti, con Lombardi a suggerire e dare fisicità alla mediana muscolare con Lella-Marongiu-Ladinetti. In difesa Porru dirottato a sinistra, Kouadio ritrova la titolarità a destra, Carboni-Boccia in mezzo, davanti a Daga. Nella Juventus Petrelli-Moreno-Rosa per fare male ai sardi, con Portanova (vecchio pallino del Cagliari) in mezzo assieme a Nicolussi e Morrone.

Primo tempo – Parte forte la Juventus, che nei dintorni del quarto d’ora impegna Daga su punizione di Nicolussi e poi con Portanova, ma il gol viene annullato perché il figlio d’arte (dell’ex Bologna Daniele) è in fuorigioco sulla deviazione sotto misura al tiro di Moreno. I rossoblù, che soffrono sulle fasce, reagiscono alla distanza e la gara si fa più equilibrata. Tanto che Lombardi al 37′ addomestica un pallone al limite dell’area e calcia bene, palla sulla traversa.E’ la migliore occasione per i sardi, mentre la Juventus fa più fatica a farsi vedere dalle parti di Daga. All’intervallo le reti sono ancora bianche.

Secondo tempo –  In avvio Rosa imita Lombardi, dalla stessa zona, e calcia di poco alto, con Daga comunque vigile. Il brasiliano (classe 2000, seconda presenza) è il più attivo, e poco dopo si libera bene ma calcia male, mostrando buona tecnica e intraprendenza. E’ di Marongiu, al 54′, il primo tiro del Cagliari, dopo un bel break sulla trequarti concluso con il mancino deviato in corner. Dalla bandierina Ladinetti è sempre insidioso, ma Dadone è attento e respinge. Canzi passa al 4-4-2, con Lella a destra e Lombardi a sinistra, e il Cagliari prende campo. All’ora di gioco Canzi cambia davanti, con il goleador Verde (7 reti sin qui) per Contini, adrenalinico ma inconcludente e ammonito scioccamente. Baldini risponde in contemporanea: fuori Rosa e Morrone, dentro Monzialo e Leone. Si va avanti senza il minimo sussulto, ma con tanta noia, il Cagliari si sistema col 4-4-2 ed è più solido, conducendo di fatto le danze anche se non produce granché, inibendo però la Juventus. All’82’ Sene la grande chance per sbloccare: sotto porta non trova la deviazione vincente su assist di Monzialo dalla destra. C’è spazio per l’esordio di Albini, terzino (sistemato oggi davanti a Kouadio) arrivato dall’Arconatese, e proprio lui (all’86’) non è sveglio nel deviare bene da dentro l’area lo splendido cross basso di Doratiotto dopo una grande giocata palla al piede. Finale nervoso, con le due squadre che provano il colpaccio. Ma prevale la paura di perdere, e lo 0-0 è risultato più di un match non da ricordare.

LE PAGELLE

Daga 6.5 – Sempre attento, a tratti decisivo, stavolta la mattinata è serena.
Kouadio 5.5 – Un po’ meglio quando spinge, mentre in copertura traballa spesso, anche se in una situazione (a metà ripresa) è bravo a tamponare con una buona diagonale. Buon per lui che la Juventus sia poca cosa, anche se ci mette un po’ a capire come governare le chiusure sul suo lato debole.
Boccia 5.5 – Soffre sugli scambi ravvicinati delle punte bianconere, Carboni lo aiuta parecchio. Meglio quando il Cagliari si raccoglie ed espone meno i suoi difensori.
Carboni 6.5 – Preciso nelle chiusure, cresce con grande personalità.
Porru 6 – Considerato il fatto che gioca a sinistra, piace per intraprendenza ed efficacia, nonostante la Juve spesso incida da quella parte con il fraseggio.
Lella 6 – Combatte come tutti ma si vede poco, largo sulla destra ci mette fisico e polmoni per blindare il Cagliari. (dal 76′ Albini 5 – Esordio da esterno alto a destra, non è attento su una bella palla che Doratiotto gli regala e che lui potrebbe colpire molto meglio cercando il gol)
Marongiu 6 – Può migliorare molto in fase di costruzione, soffre nel primo tempo poi nella seconda parte forma una bella cerniera con Ladinetti.
Ladinetti 6.5 – Primo tempo un po’ a caccia di posizione e giocate, nel secondo tempo con il 4-4-2 ha più comodità nel dare ad un Cagliari battagliero un pizzico di geometria. Niente di eccezionale, ma sta diventando solido nelle due fasi ed è il calciatore che può far fare il salto al Cagliari all’interno della partita.
Lombardi 6 – Applausi per la magia che si infrange sulla traversa, il resto è ricerca di spazi e posizione, ma alla fine sarà solo sacrificio per portare a casa il punticino.
Doratiotto 6.5 – Grande quantità per tutta la gara, a conferma che lo spirito è quello giusto e non della prima donna. Nel finale rischia di impreziosire partita e risultato, ma in mezzo all’area i compagni non sono pronti. (92′ Peressutti SV – Briciole di trincea)
Contini 6 – Si sbatte ma non la vede quasi mai, ammonizione figlia di irruenza e frustrazione, non è la partita (chiusa e bloccata) ideale per lui. (60′ Verde 5.5 – Galleggia lì davanti in attesa di un’occasione che non arriva mai)
Allenatore: Max Canzi 6 – Ferito da precedenti esperienze, imposta il match al grido di prima non prenderle e i suoi rispondono bene. Squadra muscolare, pochi fronzoli, Juventus imbrigliata con raddoppi e marcature preventive. Poi, davanti, caccia alla giocata per gioire. Match poco esaltante, ma che a lui piacerà perché gli restituisce una volta di più un gruppo sul pezzo e unito verso l’obiettivo.

IL TABELLINO

JUVENTUS-CAGLIARI 0-0
JUVENTUS: Dadone; Bandeira, Capellini (81′ Sene), Gozzi, Anzolin; Nicolussi (88′ Markovic), Morrone (60′ Leone), Portanova (81′ Pinelli); Rosa (60′ Monzialo), Petrelli, Moreno. A disposizione: Garofani, Pereira Serrao, Francofonte, Di Francesco, Frederiksen. Allenatore: Francesco Baldini
CAGLIARI: Daga; Kouadio, Boccia, Carboni, Porru; Marongiu, Ladinetti; Lella (76′ Albini); Lombardi; Doratiotto (92′ Peressutti), Contini (60′ Verde). A disposizione: Cabras, Aly, Peressutti, Dore, Marigosu, Gagliano, Cannas. Allenatore: Massimiliano Canzi.
ARBITRO: Cascone di Nocera Inferiore.
ASSISTENTI: Roberto Fraggetta di Catania e Khaled Bahri di Sassari.
NOTE: ammoniti Rosa (J), Contini (C), Nicolussi (J), Carboni (C). Terreno in sintetico in buone condizioni nonostante le recenti nevicate. Molta neve a bordo campo e nei dintorni dell’impianto di Vinovo, ora casa del settore giovanile bianconero (prima squadra alla Continassa, in zona Stadium). Cielo plumbeo, temperatura vicino agli zero gradi, nessuna precipitazione. Spettatori circa 100.

Fabio Frongia