agenzia-garau-centotrentuno

Serie D | La dodicesima giornata: Muravera, non puoi sbagliare

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Dodicesima giornata di Serie D per le squadre sarde del Girone G. Si inizia da sabato, 4 dicembre, con due anticipi: Giugliano-Latte Dolce e il derby Arzachena-Carbonia. Poi domenica 5 sfida da non sbagliare per il Muravera in trasferta contro la Nuova Florida e altro derby per cuori forti al Lixius tra Lanusei e Atletico Uri. Riposo forzato per la Torres, la gara con la Vis Artena, infatti, è stata rinviata per il contatto con un positivo e relativa quarantena dei sassaresi, anche dopo i tamponi molecolari che hanno dato esito negativo. Per i rossoblù resta a rischio anche il prossimo turno infrasettimanale contro l’Afragolese in Campania. Sfida che si dovrebbe giocare l’8 di dicembre.

Giugliano-Latte Dolce

La squadra gialloblù è umana. L’Altetico Uri ha ridato certezze a un girone G preoccupato dalla cavalcata senza sconfitte e quasi senza gol subiti dei campani, al momento prima forza del gruppo con 28 punti. Ne ha 11 invece il Latte Dolce di mister Scotto che arriva da un pareggio dal forte retrogusto di beffa in casa contro il Cynthialbalonga. Un 1-1 che è un po’ la sintesi della squadra sassarese in questo inizio di stagione: prestazioni gagliarde ma nel momento chiave manca sempre un centesimo per fare la lira. L’andamento lento non basterà ai ragazzi di Scotto per salvarsi senza patemi. Ecco allora che una gara giocata alla pari e con magari dei punti portati a casa, anche se questi arrivassero in modo brutto, sporco e cattivo (anzi, forse anche meglio dato che questo ha chiesto il mister ai suoi dopo il pari del Vanni Sanna dell’ultimo turno) , aiuterebbero e non poco il percorso di crescita e le certezze di questa rosa. In attesa poi di qualche squillo dal mercato.

Arzachena-Carbonia

Chi vince prende una strada in discesa, panoramica e a favor di vento. Chi perde deve ricominciare tutto da capo in un sentierino fatto di buche, curve a gomito e nebbia. Il derby del Pirina vale tanto, sia per Arzachena che per Carbonia. Gli smeraldini hanno l’occasione dopo qualche rinvio e qualche passo di troppo di mandare un chiaro messaggio al campionato: ci siamo anche noi. Inoltre saranno chiamati a fare punti in una gara che li vede favoriti, chiave tattica dove hanno peccato a volte in questa prima parte di campionato. Per i minerari i punti servono come l’ossigeno dato l’ultimo posto nella generale. Il mercato, che prevede una mini-rivoluzione, e il probabile ritorno allo Zoboli potrebbero fare il resto. Ma prima la squadra di Suazo deve correre con dei risultati positivi.  Curiosità: l’anno scorso tra Arzachena e Carbonia fu pareggio sia all’andata che al ritorno.

Lanusei-Atletico Uri

Imprevedibile. Così si annuncia il derby del Lixius. Gli ogliastrini sono partiti con il freno a mano tirato, poi hanno ripreso a correre ma nell’ultima sfida contro l’Insieme Formia invece di mettere la quinta hanno sbagliato il tempo di frenata in curva perdendo l’occasione di staccare il treno playout. I giallorossi sono reduci dall’exploit contro il Giugliano che certifica un impatto incredibile con la categoria per i ragazzi di Paba, ma nel momento chiave delle sfide salvezza hanno sbagliato sia contro Monterotondo che contro il già citato Formia. Uri che fin qui in trasferta ha battuto “solo” la Vis Artena. Ecco, per salvarsi in tranquillità a questa rosa serve il passo successivo di continuità per togliersi la bella etichetta di ammazza-grandi e mettersi addosso quella di principale sorpresa del girone (manca davvero un nulla). Campolo invece, senza fare troppi giri di parole, dovrà avere delle risposte in termini di intensità e costanza da parte dei suoi. Troppo spesso la sua rosa va a folate, con il mercato aperto chi non dimostra di avere una certa linearità a livello psicologico e di prestazione potrebbe anche essere messo in discussione.

Nuova Florida-Muravera

Sarà durissima per i ragazzi di Loi. Il Muravera arriva da uno dei suoi peggiori momenti degli ultimi anni. Un punto nelle ultime cinque giornate: rendimento da ultimo posto insieme al Gladiator. Le scuse sono tante ma questa rosa per il valore che ha non può stare così in basso come prestazioni e risultati. Davanti ci sarà la Nuova Florida, fin qui ammazza-sarde (Torres, Carbonia, Arzachena, Lanusei e Uri), che è lanciatissima con quattro vittorie in fila, 24 punti e data una gara in meno (annullato il successo per 4-0 sull’OstiaMare per un errore arbitrale) anche a meno uno, potenzialmente, dalla vetta. Forse la sfida giusta per i sarrabesi per ritrovare stimoli e rialzarsi, ma al tempo stesso uno scoglio difficile da superare specie per una realtà che rispetto al passato mostra alcuni punti di rottura evidenti tra tecnico, spogliatoio, dirigenza e ambiente.

Roberto Pinna

TAG:  Serie D
 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti