“Sfida tra torresini”

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Presentiamo Torres-Latte Dolce di mercoledì alle 20.30.

Un derby dai mille significati. Anche se in tanti, tra i tifosi torresini, inorridiscono al solo sentire la parola derby riferita alla sfida con i cugini (molto) più piccoli e (molto) meno prestigiosi. E, però, sono proprio questi ultimi a fare oggi la voce grossa, con 22 punti in più in classifica figli di serenità e idee chiare, come ribadito dal nocchiero Stefano Udassi. Già, l’ex bomber e capitano della Torres, oggi alla guida del Latte Dolce che vola e che vuole “fare qualcosa di straordinario”. L’amico fraterno di quel Marco Sanna che in via Leoncavallo ha avuto meno fortuna, e che cammina su un sentiero molto più arduo.

Una sfida tra torresini, come ribadisce Andrea Colombino, osservatore e già deus ex machina della Torres di Sanna (arrivò in finale playoff di D nel 2016) e poi del Latte Dolce che nell’estate 2017 iniziava il suo ambizioso progetto. “Tra i torresini mi ci metto anche io, ma in generale sarà una sfida tra gente che nel cuore ha il rossoblù. Anzi, forse ci sono più torresini e sassaresi nel Latte Dolce che dall’altra parte, a vedere gli organici”. 

Momento storico particolare. Incroci a non finire, corsi e ricorsi storici per una partita che molto vuol dire in chiave classifica e per via del recente passato. Dopo l’estate fatta di trattative partite dall’imprenditoria che guida il Latte Dolce, stroncate pesantemente da Salvatore Sechi, è normale pensare a quel che potrà essere in caso di sbarco tra i pro di Bianchi e compagni. “Non ho elementi per dire cosa potrebbe accadere – racconta Colombino – Sicuramente Sassari è una piazza appassionata ed esigente, i fatti dicono che c’è stata una proposta respinta con forza per difendere, immagino, quello che l’attuale gestione torresina aveva fatto e ottenuto nella prima parte del 2018. Del doman non v’è certezza, ma la città ha bisogno di un progetto serio e che guardi davvero in alto”. 

Sanna vs Udassi. “Con Marco ho avuto il privilegio di lavorare, è persona molto seria e umile, preparata, e direi che la Torres pur tra mille difficoltà qualcosa a livello di calcio e idee la sta facendo vedere. Capiremo poi cosa potranno dare gli ultimi tre innesti, sicuramente a sinistra in difesa serviva qualcosa in alternativa a Pinna e davanti il solo Camilli non poteva bastare. Stefano è un pragmatico dalle forti convinzioni, la sua è una squadra solida, lui ha il merito di farsi ascoltare, imporsi, trainare un progetto fatto di grande unità di intenti tra squadra, allenatore, staff, dirigenza. Probabilmente quella che è mancata nella scorsa stagione, quando in estate avevamo iniziato un certo discorso prendendo giocatori di spessore e uscendo dalla logica dei calciatori-lavoratori”. 

Che derby sarà a livello tecnico e tattico? “La Torres è squadra che sa costruire e fare la partita, vedremo se Sanna opterà per il 4-3-3 classico o magari 4-2-3-1 con il centravanti e un giocatore di movimento e tecnica in appoggio. Il Latte Dolce ha imparato a mostrarsi camaleontico, tra difesa a tre e a quattro, con la posizione di Bianchi che è chiave a livello difensivo e offensivo. Il Latte Dolce ha una difesa a tenuta stagna, ti punisce al minimo errore, subisce poco e sta iniziando a segnare con continuità. E poi vincere aiuta a vincere, per usare una frase fatta ma sensata del mondo calcistico”. 

I giocatori chiave. “In casa Torres dico Demartis, che non ha vita facile in questa stagione ma settimana dopo settimana si sta imponendo per qualità tecniche che sono note e grande freschezza atletica. In casa Latte Dolce ne menziono due: Cabeccia, che sta giocando in modo strepitoso, e Luigi Scanu, da qualche settimana sembra avere fatto un salto di qualità mostrando quelle giocate e quella concretezza che a metà campo sono fondamentali se si vuole essere determinanti a certi livelli”.

La curiosità. Arbitro donna per la stracittadina turritana. Fischierà la signora Maria Sole Ferreri Caputi di Livorno, coadiuvata da Domenico Castro di Livorno e Lorenzo Giuggioli di Grosseto.

Fabio Frongia

TAG:  Serie D