agenzia-garau-centotrentuno
Gianmarco Pozzecco durante un timeout a Reggio Emilia | Foto Luigi Canu

Tra spiragli, idee e rivoluzioni: il futuro della Dinamo Sassari è tutto da scrivere

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

La delusione del Taliercio è ancora tutta da assimilare in casa Dinamo Sassari: ci vorrà ancora tempo per digerire l’uscita dalla corsa playoff nei secondi finali della serie arrivata a Gara 5, poi sarà il momento di pensare al futuro.

bianchi-immobiliare-centotrentuno

Panchina, addio assicurato o…?

Il nodo principale riguarda la guida tecnica della squadra biancoblù. Quelle di un Gianmarco Pozzecco  visibilmente emozionato, nella sala stampa del palazzetto veneto, sono parole che lasciano intuire quasi un addio. Frasi al passato e al miele, per giocatori, staff e tifosi che potrebbero essere le ultime pronunciate dall’ex playmaker della nazionale nel post-partita di una gara della Dinamo. Quella chiosa in dialetto (“Familla bona, donu de su chelu”) potrebbero essere poi le parole giuste per lasciare un segno indelebile tra la sua gente. A fare da contrasto le dichiarazioni di qualche ora prima pronunciate dal presidente Stefano Sardara a La Nuova Sardegna, che ha lasciato uno spiraglio per il futuro con il Poz in panchina che ha comunque un altro anno di contratto con Sassari: “Gianmarco sta dimostrando in queste partite quello che ha dimostrato in tanti mesi a Sassari, anche senza eccessi può fare bene. Questo si aspetta da lui la Dinamo e se questo è il suo atteggiamento non c’è mai stato e né mai ci sarà un problema”. Se però sarà addio, le ipotesi non mancano come quella più naturale della promozione dalla Serie A2 e del ritorno quindi di Demis Cavina: il coach, a Sassari nel periodo che ha preceduto l’era Sacchetti, sta ancora lottando nei playoff con Torino e parlare ora di futuro sarebbe alquanto fuorviante per gli obiettivi della Reale Mutua. Altra affascinante ipotesi è quella lanciata da La Nuova Sardegna che porta a Travis Diener, mentre alcune altre idee da non scartare totalmente sarebbero le vie che portano a Buscaglia o a una promozione di Edoardo Casalone. Sfumata invece la pista Jasmin Repesa che tornerà probabilmente alla Fortitudo dopo essere uscito dal contratto con Pesaro.

Rivoluzione o conferme?

Il roster biancoblù sarà ovviamente frutto delle decisioni in panchina: difficilmente senza Pozzecco ci sarà un futuro per la banda dei croati con Bilan soprattutto che fa gola ovviamente a tante altre piazze anche nell’Europa più importante. Non è da escludere una partenza verso lidi che possano garantire l’Eurolega per Marco Spissu che ha un contratto fino al 2022: Stefano Gentile ha un accordo fino al 2023 e, a meno di scossoni, potrebbe continuare a Sassari. Da chiarire anche le posizioni di Bendzius e Burnell: il lituano ha un biennale con possibilità però di esercitare l’uscita, mentre l’ex Cantù aveva firmato un accordo di un solo anno. Da sciogliere anche il nodo Happ, convincente nelle ultime uscite playoff: se Bilan saluterà e la volontà del centro americano sarà quella di continuare in Sardegna, potrebbe essere il lungo titolare della prossima Dinamo che dovrebbe riaccogliere tra le sue fila Diop dopo il prestito a Torino. Sarà un’estate calda in quel di Sassari.

Matteo Porcu

 
1 Commento
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti