agenzia-garau-centotrentuno
robinson-burnell

Bentornata Dinamo! Sassari corsara a Venezia (70-76)

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

La Dinamo Sassari torna a vincere dopo più di un mese battendo al Taliercio la Reyer Venezia per 70-76. I biancoblù giocano un ultimo quarto quasi perfetto a livello difensivo, concedendo solo 11 punti negli ultimi dieci e ribaltando una partita che sembrava andare verso le mani della Reyer. Ottima la prova di Robinson(20 punti), Logan fondamentale nell’ultimo quarto, così come Chessa e Diop che hanno dato un contributo importante dalla panchina.

Primo periodo

Quintetto confermato da Bucchi con Robinson, Kruslin, Burnell, Bendzius e Mekowulu. Dall’altra De Raffaele inizia con De Nicolao, Tonut, Bramos – alla prima stagionale – Brooks e Watt.

La Dinamo parte forte in difesa e in attacco, guidata dal duo Robinson-Mekowulu. Il play prima serve il centro nigeriano sul pick&roll, poi completa un gioco da 3 punti dando il primo mini-parziale di 0-5 chiuso però dai canestri di Tonut e Watt. Il lungo titolare biancoblù spende il secondo fallo dopo cinque minuti, Diop gli dà il cambio ma ripaga con la stessa moneta Bucchi dopo appena tre in campo. Il coach sassarese però non cambia, Robinson resta un dilemma per la difesa lagunare per quasi tutto il primo quarto, mentre il gancio di Burnell consegna il 14-19 che porta De Raffaele a chiamare time-out. Venezia si riaccende, Diop spende il suo terzo fallo e Bucchi abbassa il quintetto mettendo Treier da cinque. Sassari perde d’intensità sul finire del primo periodo e Venezia passa avanti sulla sirena con il canestro di Phillip in penetrazione (23-22).

Secondo periodo

Bendzius apre con una tripla, poi la partita comincia ad alzarsi a livello di intensità fisica. Venezia prova a sfruttare i chili e i centimetri in più cercando Watt. Sassari inizia a sbagliare più frequentemente dai 6.75 e ad avere meno pazienza in attacco: Venezia così piazza un parziale di 8-0 che costringe il coach sassarese a chiamare il secondo time-out a disposizione a cinque minuti dalla fine del quarto sul 35-27. Burnell prova a dare una svolta segnando con il fallo, la Dinamo torna a difendere con maggiore convinzione ma soffre a rimbalzo nonostante il ritorno in campo di Mekowulu. Kruslin smuove il suo tabellino personale ma Venezia ha più energia e chiude sul +8 il primo tempo, 44-36.

Terzo periodo

La Dinamo rientra bene e piazza un parziale di sei punti a zero grazie a un gioco da quattro punti di Bendzius e a un contropiede di Kruslin che la riporta sino al -2. De Raffaele chiama subito time-out e l’Umana comincia a muovere meglio la palla e mettere il fisico. Contro-parziale di 5-0 e la Dinamo torna nuovamente a faticare sotto le plance. Brooks si mette spalle a canestro e mette il +9 sul 51-42, costringendo Bucchi a chiedere minuto. La Dinamo non riesce a dare continuità ai propri attacchi e i liberi di Watt danno il massimo vantaggio sul +11 a Venezia a 4:39 dalla fine. Logan e Robinson in penetrazione riportano la Dinamo fino a -7: Sassari si affida così agli uno contro uno, Venezia è poco lucida negli ultimi due minuti ma il quarto si chiude sul 59-50 per i granata.

Quarto periodo

È ancora Bendzius a mettere dentro il primo canestro, la Dinamo difende bene ma non riesce a capitalizzare in attacco. Venezia però non segna più con facilità e nonostante le difficoltà di Kruslin e Logan in attacco la Dinamo si riavvicina. Prima Diop in lunetta e poi proprio il Professore riportano Sassari fino al -4 quando sul cronometro mancano 7:39. Il coach della Reyer chiama così nuovamente minuto per organizzare la propria squadra ma Sassari continua a difendere bene e complicare i piani avversari. Robinson spinge Sassari fino a -2, Chessa – in campo per più minuti – recupera un pallone importante e Logan la ribalta da tre sul 62-63 a 4:51 dal termine. Il Professore comincia a spiegare con freddezza, Diop argina Watt con energia e in un’azione rocambolesca ancora Logan mette il canestro del +8 62-70. De Raffaele chiama il terzo time-out, Watt risponde subito al suo coach ma dall’altra il nativo di Chicago serve nuovamente Diop che poggia in solitaria a tabellone. Il quinto fallo dell’italo-senegalese riporta in campo Mekowulu, Logan costringe Tonut a una persa cocente ma la Dinamo perde palla sulla rimessa e manda Watt in lunetta: il lungo fa 1 su 2, Stone spende fallo su Bendzius che non fallisce e fa 2 su 2. Bramos ridà speranza alla Reyer, la Dinamo sbaglia a rimettere in campo il pallone ma Stone sbaglia la tripla che avrebbe riaperto tutto. La chiude Burnell in lunetta, finisce 70-76 per la Dinamo Sassari.

Matteo Cardia

 

Al bar dello sport

2 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti