Il veterano Daniele Bianchi col mister Stefano Udassi | Foto di Alessandro Sanna

Bianchi: “Il Latte Dolce è ormai una realtà di rilievo della D”

Il centrocampista del Sassari Latte Dolce Daniele Bianchi ha fatto un bilancio della stagione appena conclusa.

“L’evento straordinario che ci ha coinvolto e travolto, tutti, ha costretto il calcio e la nostra stessa realtà calcistica a vivere di proiezioni legate al come sarebbe potuta andare finire la stagione. Per questo siamo stati costretti a tirare le somme in una maniera che si potrebbe definire brusca e improvvisa. Quel che resta è la consapevolezza di essere stati anche quest’anno inquilini stabili delle prime posizioni della classifica, in linea con il processo di crescita nei risultati, anche se guardando indietro forse abbiamo fatto qualche passo falso di troppo in considerazione del fatto che noi per primi volevamo fare ancora di più. Questa visione è collegata al desiderio di crescita costante, per cui se da un lato c’è un pizzico di rammarico per qualche stop di troppo dall’altro non è mai scontato riconfermare un piazzamento playoff. Oggi il Sassari calcio Latte Dolce è riconosciuta come squadra di rilievo nel campionato di serie D, e questo non è affatto scontato: è sintomo di una dinamica di crescita che prosegue. È un merito, ed è gratificante per la nostra realtà. Dove saremmo potuti arrivare? Difficile dirlo adesso, ma vero è che al momento dello stop ai giochi attraversavamo un buon momento. Ci attendeva un calendario che ci avrebbe messo di fronte a diverse squadre che navigavano in pericolose zone di classifica, non sarebbe stato facile ma sicuramente avremmo potuto dire la nostra dato che la rincorsa alla griglia playoff si stava ormai delineando. Questa è la bellezza del calcio: nulla è certo sino al novantesimo, non ci sono gare e risultati già scritti in partenza. Il nostro valore aggiunto? La voglia di mettere davanti a tutto il “noi”, l’essere stati squadra e gruppo al di là del singolo, sempre. Durante la stagione ci sono anche momenti di difficoltà, questo vale per chiunque faccia sport e faccia calcio: ripeto, sono orgoglioso di aver giocato con delle persone che hanno lavorato con ben chiaro in testa il senso del “noi”. Un atteggiamento del genere è quello che aiuta a crescere.

“Cosa può essere mancato? Venivamo da un’annata positiva e le avversarie ci hanno affrontato in maniera molto diversa. Abbiamo lasciato dei punti per strada, alcuni in casa e perdendo partite in cui abbiamo oggettivamente subito pochissimo. Lo step di crescita passa proprio dal capire come affrontare certe partite, quelle in cui gli avversari ti affrontano con un baricentro molto basso. L’atteggiamento e l’impegno però non sono mai mancati: abbiamo attraversato un periodo tosto, ma non abbiamo mai mollato la presa restando sempre legati al gruppo di testa. E anche questo non è da dare per scontato. Momenti da ricordare? Potrei dire la parata al 90′ di Pierpaolo Garau a Torre del Greco ma ricordo l’adrenalina della partita vinta in casa contro l’Arzachena per 2-1: abbiamo subito un rigore e un’espulsione, sembrava la classica gara storta e invece l’abbiamo ribaltata con i gol di Francesco Virdis e Daniele Molino. Il classico caso in cui abbiamo vinto gettando il cuore oltre l’ostacolo, mi ha lasciato una carica enorme. Questo grave momento di difficoltà che abbiamo vissuto e stiamo vivendo può rappresentare una opportunità: nascono nuove idee e il peso specifico delle competenze assume un’importanza ancora più rilevante”

 

AL BAR DELLO SPORT

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti