agenzia-garau-centotrentuno
Miro Bilan contro Cremona | Foto Luigi Canu

Bentornata Dinamo! Burnell e Kruslin trascinano Sassari

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Sette uomini per parte, ma di tutt’altra qualità: la rimaneggiata Dinamo Sassari, trascinata dagli ottimi Burnell e Kruslin, doma 95-84 la rimaneggiata Cremona, senza troppi patemi. Al PalaSerradimigni risuona “Musica leggerissima”, e fa un certo effetto visto che la Dinamo non scendeva in campo a Sassari da prima di Sanremo, bloccata dalle due settimane di quarantena per alcuni casi di positività al Covid-19. Da annotare un nuovo record di palle perse (21), un grande dominio a rimbalzo, e il bel contributo di Massimo Chessa, autore di due triple.

bianchi-immobiliare-centotrentuno

La Dinamo torna in campo senza Spissu e Katic, con Treier in panchina ma ancora fermo, Cremona deve rinunciare a Palmi e Cournooh. Senza play di ruolo, Pozzecco getta nella mischia Massimo Chessa dal primo minuto: non per portare palla, ma per fare lo specialista dall’arco. Le sue bombe non entrano, e neppure quelle dell’atteso Bendzius, mentre a rimbalzo e in difesa i sassaresi soffrono la verticalità di Markus Lee. La prima tripla di squadra dopo lo 0/5 iniziale la mette a segno Gentile (10-10), mentre Bendzius riprende confidenza col canestro e risolve le azioni più affannose. Quando Kruslin prende il posto di Chessa il accelera il contatore delle palle perse, poi comincia lo show di Poeta che trova i compagni da qualsiasi posizione. Guidati da Mian, i lombardi non superano mai il +5 di vantaggio e il primo quarto si chiude 26-29.

Nella seconda frazione l’attacco di Cremona va in tilt contro la zona dei sassaresi, e la Dinamo crea il primo strappo grazie a Happ e gli 8 punti di fila i Burnell, che ha la mano calda dall’arco. Bilan firma il +10, per un complessivo parziale di 15-0. Quando Burnell fa il playmaker, Chessa si sblocca dall’arco e la Dinamo dilaga: 56-42 alla pausa lunga grazie a due bombe del sassarese, alla caparbietà di Kruslin e con tre uomini già in doppia cifra: Burnell, Bilan e Gentile.
Nel terzo quarto la Dinamo rischia di sprecare il comodo margine, perché Cremona viene spinta anche da dubbi fischi arbitrali: da un flopping di Chessa mentre Hommes segna dall’arco a un ponte di Kruslin ignaro del fatto che alle sue spalle Hommes saltava per un alley-oop. Gli uomini di Galbiati si spingono fino a -7 con i canestri di Williams e Mian, poi però Miro Bilan si riprende il palcoscenico. Danza in aerea, segna da tre, Kruslin continua la buona serata dall’arco e la Dinamo torna a +12: 77-65 all’ultimo intervallo.

Nell’ultimo quarto il Poz prova il quintetto con tre lunghi più Burnell, anche perché Chessa è costretto a uscire per 5 falli. Bendzius risponde alla tripla di un ottimo Mian, poi la stanchezza affiora, Gentile perde una palla preziosa che proietta Cremona verso il -8, poi si riscatta strappandone una dalle mani di Poeta, prima che Barford metta paura ai sassaresi con la tripla del -5. Happ esagera con il piede perno, l’attacco sembra inceppato, ma ci pensa Kruslin con due triple di fila: la prima coi piedi per terra, la seconda dal palleggio: chiuderà con 20 punti e 6/11 dall’arco. 11 punti da recuperare in 2′ sono troppi per Cremona, che ricuce soltanto fino al -9: finisce 95-84, con due stoppate di Burnell che fotografano perfettamente la serata.

Nicola Accardo

Dinamo Banco di Sardegna Sassari – Vanoli Cremona 95-84 (26-29, 30-13, 18-19)

Sassari: Bilan 18, Bendzius 10, Burnell 13, Gentile 14, Kruslin 20, Happ 14, Treier, Chessa 6, Gandini, Martis, Sanna. Coach: Pozzecco

Cremona: J. Williams 9, Mian 23, Trunic, Poeta 4, Barford 20, Hommes 10, T. Williams 10, Lee 8, Donda, Zacchigna,

 
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti