Cagliari, DiFra: “Due punti persi, dobbiamo saper chiudere le gare”

Il mister del Cagliari Eusebio Di Francesco ha commentato così il pareggio con lo Spezia alla Sardegna Arena.

“Gli avversari sono stati più bravi di noi ad approcciare la gara e tenere palla. Nel primo tempo eravamo un po’ troppo statici. Nella ripresa la squadra si è mossa decisamente meglio, è come se nel primo tempo ci fossimo scaldati per uscire nel secondo.il secondo tempo per me è stato strepitoso per occasioni avute e per quello che abbiamo fatto; avevamo voglia di stare alto e abbiamo lavorato bene. Dobbiamo ripartire da quello, poi è arrivato un rigore che non so dirvi se c’era o meno. Pavoletti?  Sono molto contento per Leonardo, per lui il gol è importante e sono contento che abbiamo recuperato un giocatore. Sta lavorando bene in allenamento e se lo meritava perché ha sofferto anche tanto. Peccato per i due punti buttati”. 

Sulla tragedia di Bitti aggiunge: “Non so quanti conti, ma volevamo dedicare noi tutti la vittoria a loro. Sono sicuro che ci rifaremo. Sto diventando sempre più legato a questa terra, ho conosciuto persone meravigliose”

Prosegue Di Francesco: “Si abbiamo un reparto offensivo funziona, ma deve avere la forza di chiudere la partita abbiamo avuto l’occasione per farlo: abbiamo lavorato bene con 4 attaccanti, siamo riusciti ad avere equilibrio non subito, ma col passare della gara. I gol subiti pesano in generale, non solo per la linea difensiva: tutti devono aiutare, spesso si dà solo la colpa ai difensori e non è così su alcune occasioni. Dobbiamo migliorare meglio in quel senso. Risultato giusto? Dopo il primo tempo avrei anche accettato il pareggio, ma penso che avremmo meritato la vittoria”. 

Sulle assenze per covid: “Purtroppo anche quel rischio è dietro l’angolo, come il gol al 93′. Questo è un virus maledetto, mi auguro possiamo limitarci a queste di positività toccando ferro”.

La Redazione

 
4 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti