Eusebio Di Francesco in panchina | Foto Emanuele Perrone

Cagliari, Di Francesco: “Fiducia alla difesa giovane, Nandez c’è”

Sabato di conferenza stampa per Eusebio Di Francesco che ha parlato alla vigilia di Cagliari-Inter, lunch match dell’ 11° turno di Serie A.

segui la diretta testuale della conferenza stampa con gli aggiornamenti automatici (senza ricaricare la pagina)

a cura di Matteo Porcu

FINISCE LA CONFERENZA STAMPA

Su Marin e un ricordo su Paolo Rossi: “Lo voglio ricordare col sorriso che aveva sempre per tutti, io ho avuto la fortuna di conoscerlo come tifoso dell’Italia. Ho visto la partite dei Mondiali nel mio albergo ed è stato bellissimo: Bruno Conti mi ha spesso parlato di lui e ho avuto la fortuna di conoscerlo a Pescara. Ha sempre parlato con rispetto e con il sorriso sulle spalle, dispiace quando va via una persona così che mi evoca dei grandi ricordi. Marin? L’ho visto in crescita e si è ripulito dalle scorie della nazionale da dove era tornato sfinito. Tutti dovrebbero pensare che ci si allena in partita, ma è il contrario, ci si allena per le partite.

Cosa direbbe a Nainggolan domani se dovesse essere convocato? Il Cagliari contro le grandi ha sofferto fin qui? Dobbiamo lavorare anche sul livello mentale, sicuramente con Atalanta, Lazio e Juventus siamo arrivati un po’ con i cerotti. Siamo realisti, ma domani vogliamo provarci e cercare di invertire il trend. Quantomeno vogliamo metterli in difficoltà. Radja? Lo ritrovo sempre con piacere, gli dirò nuovamente arrivederci.

Sul modulo: Cercheremo di portare avanti quello su cui abbiamo lavorato e non sono amante dei cambiamenti. Poi magari durante la gara posso cambiare atteggiamento. Daremo continuità a quello che facciamo da sempre.

Come sta Tripaldelli? Cosa significa un’eliminazione in Champions che purtroppo ha vissuto con la Roma? Io sono uscito con orgoglio alle semifinali di Champions, loro ai gironi quindi è un po’ diverso. Dopo l’eliminazione abbiamo vinto quasi sempre con la Roma, quindi direi che è relativo questo aspetto perché c’è voglia di rivalsa. Ma non voglio entrare in casa dell’Inter, voglio concentrarmi su di noi. Tripaldelli non sarà convocato, ha un problema muscolare ed è stato evidenziato dagli esami che ha fatto stamattina. Quasi sicuramente salterà anche Parma.

Che tipo di esame sarà quello di domani e in che modo lo affronterà il Cagliari? A me piacerebbe affrontare a viso aperto, ma ci sono anche gli avversari. Aspettarli non mi fa impazzire, ma ci sono delle fasi all’interno della partita e dobbiamo leggere le partite: stiamo lavorando tanto su quest’ultimo aspetto, il Cagliari quando ha difeso basso ha subito. Metteranno spesso palla in mezzo, quindi abbassandoci potremmo soffrire.

Sui giovani e sugli avversari: ” Se dovessimo guardare al curriculum dei giocatori avversari non ci sarebbe partita. Noi dobbiamo lavorare di squadre, stare compatti e andare al di là di chi scenderà in campo. La partita avrà degli aspetti psicologici differenti, dovremo avere il massimo rispetto per gli avversari ma sappiamo di poterli fare male con il nostro lavoro e la capacità di essere squadra. Mi dispiace veramente tanto non avere il pubblico, soprattutto in queste gare importanti. I tifosi sarebbero stati il 12° uomo in campo”.

Quanto può influire l’elimnazione di coppa per l’Inter? Il Cagliari visto a Verona è stato quello più equilibrato? Siamo stati continui lungo tutta la gara, al di là dell’ottimo secondo tempo. Senza equilibrio non si va da nessuna parte e lo si trova attraverso lavoro e partite buone e non buone. A Verona abbiamo avuto tanta continuità nonostante le tante assenze e l’utilizzo di giovani, devo ancora fare i complimenti. Tutto questo lo dobbiamo dimostrare nel tempo, non guardiamo all’aspetto mentale dell’Inter. Avranno sicuramente voglia di rifarsi, ma anche noi dobbiamo dimostrare qualcosa.

Vedremo una difesa ancora molto giovane o ci sarà Ceppitelli? Simeone o Pavoletti? Nandez ci sarà? Non penso sia un problema di età in difesa, conta il lavoro e potrei riproporre Carboni e Walukiewicz che hanno fatto bene a Verona. Recuperiamo anche Klavan e Pisacane che si sono allenati in settimana, mentre Ceppitelli ha ancora pochi allenamenti alle spalle. Simeone è quello che ha recuperato meglio dal covid, mi ha fatto una bella impressione nonostante sia rientrato giovedì. Nandez l’ho rivisto oggi e lo convocherò, mentre Pereiro non sarà tra i convocati.

INIZIA LA CONFERENZA STAMPA 

13:16 – Qualche minuto di ritardo per Di Francesco che ha appena concluso la rifinitura ad Asseminello.

13:10 – 5 minuti e avrà inizio la conferenza stampa di mister Di Francesco.

12:55 – Tanti i temi da discutere col tecnico che ancora una volta incontra a distanza la stampa.

12:40 – Buongiorno amici di Centotrentuno, benvenuti al racconto testuale della conferenza stampa di Eusebio Di Francesco della vigilia di Cagliari-Inter.

 
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti