agenzia-garau-centotrentuno
Eusebio Di Francesco | Foto Valerio Spano

Cagliari, Di Francesco: “In attacco è ballottaggio Cerri-Pavoletti”

Scopri il nuovo canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Consueta conferenza stampa della vigilia per Eusebio Di Francesco che ha presentato nella sala stampa di Asseminello la partita tra il Cagliari e il sorprendente Spezia di Vincenzo Italiano.

bianchi-immobiliare-centotrentuno
eyesportshop-linea-sport-centotrentuno

LA CONFERENZA STAMPA INTEGRALE

a cura di Matteo Porcu

FINISCE LA CONFERENZA STAMPA 

Gennaio si avvicina, pensa di avere una squadra corta a centrocampo: “Si. ma penso sia prematuro parlarne. Prima dobbiamo cercare di valorizzare il materiale che abbiamo ed è fondamentale portare più punti possibile a casa. Non sono concentrato sul mercato, per il momento solo delle valutazioni”.

Sulla difesa a tre: “La rivedremo. A Torino eravamo meno incisivi, ma più solidi: in altre partite mi ha dato grande soddisfazione. Normale che ci siano delle situazione da migliorare. La mia scelta per Torino è stata quella di sfruttarla per via dell’assenza di Nandez e per il fatto che c’erano dei giocatori che non pronti per giocare a 4 tutti insieme

Su Farias: “Posso dire che è un giocatore che conosco, è un ottimo elemento ma ci sono state delle dinamiche che l’hanno portato lontano da Cagliari: so che è pericoloso, non è un giocatore continuo ma quando si accende può essere devastante.

Su Joao Pedro e Pereiro: “Gaston lo sta provando come vice Joao Pedro, sta crescendo di condizione ma non ha i 90′ sulle gambe. A partita in corso potrebbe essere una grande arma, sia dietro la punta che sull’esterno. Joao Pedro però giocherà”.

Sul ruolo di Rog e i tre davanti: “Non so chi schiererò, non voglio dare vantaggi a un ottimo allenatore come Italiano. Le soluzioni le sapete, quattro attaccanti o mettere un centrocampista avanti. Giocare con 4 attaccanti non mi fa paura, ma dobbiamo avere quell’equilibrio che ricerchiamo”.

Covid determinante su tutte le partite: Il campionato è strano, ma è così per tutti. Sposta tanto perché abbiamo anche tante partite vicine, sicuramente noi “piccole” siamo avvantaggiate anche di averne meno.

Sui dubbi nella corsia sinistra: La notte porta consiglio. C’è un ballottaggio tra Carboni e Tripaldelli, valuterò dopo la rifinitura di stasera. Klavan è recuperato, sicuramente Ragnar sarà a disposizione.

Ancora sul covid: “Penso sia il pensiero più grade che abbiamo: mi auguro che i tamponi di stasera siano tutti negativi, la viviamo con grande attenzione. Modifica il modo di pensare e la tattica, una cosa che impedisce di dare anche continuità al tuo percorso.

Su Godin: “Da quando è arrivato è andato anche in Nazionale e l’ho perso per molto, ha mostrato molta disponibilità e voglia di fare, è molto curioso. Peccato per la Nazionale e il covid che non ci hanno permesso di continuare col suo processo di crescita. Penso che nell’Uruguay ci sia stato poca attenzione forse. Penso che è il difetto maggiore delle nazionali.

Quanto conforto le dà sapere che comunque ha dei giocatori importanti in panchina per sostituire gli assenti? In che modo verrà rimpiazzato Nandez? Difficilmente Nahitan è sostituibile, ti dà la possibilità di cambiare a partita in corso. Altri come lui in squadra non ne abbiamo ora, penso sia l’assenza più importante, alla pari di quelle di Diego e Giovanni. Sono contento però che gli altri possano mettersi in mostra. Sono veramente contento di allenare questa squadra che ha una disponibilità importante nei miei confronti e in quelli dei compagni. I discorsi tattici diventano poco importanti se non c’è coesione e questa disponibilità, anche con il Verona abbiamo saputo soffrire.

Cosa ti ha colpito del gioco dello Spezia? Li seguo dall’anno scorso, conosco benissimo il direttore Angelozzi e seguo con attenzione Vincenzo Italiano che ritengo uno degli allenatori emergenti più bravi. Penso vogliano fare la partita con spigliatezza, per me hanno fatto anche un ottimo mercato: non mi aspetto una partita facile, verranno qui a fare la partita. Ballottaggio Cerri-Pavoletti? Per forza di cose c’è, si stanno giocando il posto perché entrambi si sono allenati con grande impegno e disponibilità. Ho già un’idea.

Come sta Pavoletti, giocherà? Cambierà qualcosa? Credo di aver fatto abbastanza cambiamenti per avvantaggiare giocatori, quindi non credo dovremo cambiare ancora. Credo che Leonardo si metterà a disposizione dei compagni, come ha sempre fatto e come ha fatto Alberto con il Verona. Chiaramente con Leonardo ci verrà naturale alzare un pochino di più il pallone, ma non dobbiamo snaturarci e dare continuità al nostro gioco. Quando arriviamo sul fondo però contiamo sulle sue abilità aeree, importanti come quelle di Cerri.

Con quale spirito affronterete la gara dopo la positività di Nandez? Farete qualche cambio di modulo? Stiamo vivendo questo momento come tutti, questo virus subdolo arriva da un momento all’altro come nel caso di Nahitan. Peccato, guardiamo avanti con i ragazzi a disposizione. Cercheremo di fare una partita con determinazione sopperendo le assenze di giocatori importanti.

INIZIA LA CONFERENZA STAMPA

13:12 – Siamo in attesa dell’arrivo del tecnico Di Francesco.

13:05 – 10 minuti e vi riporteremo le parole di Di Francesco: conferenza ancora in modalità virtuale per il tecnico.

12:58 – Parecchie le assenze che costringeranno il tecnico a ridisegnare il Cagliari in vista della partita di domani alla Sardegna Arena (ore 18:00).

12:40 – Buongiorno amici di Centotrentuno, stiamo per raccontarvi la conferenza stampa di mister Di Francesco alla vigilia di Cagliari-Spezia.

 
5 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti