agenzia-garau-centotrentuno
marin-cagliari-empoli-canu

Cagliari, è emergenza a centrocampo: Mazzarri si aggrappa a Marin

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

“Anno nuovo, vita nuova” è questo il mantra al quale ci si aggrappa all’interno dello spogliatoio rossoblù. L’inizio di un anno è sinonimo di novità che, per chi programma una rinascita e fa progetti sul futuro, portano anche a far riflettere. Nel mese di gennaio è tempo di valutazioni per trasformare i dubbi in certezze che, non sempre, hanno un’accezione positiva.

Certezze

Il centrocampo del Cagliari a pochi giorni dal match contro la Sampdoria si ritrova a dover far fronte alle tante assenze, frutto di un 2021 poco fortunato. In occasione della gara di andata, giocata alla Unipol Domus, i rossoblù sono riusciti a trovare la prima e unica vittoria in campionato. Mazzarri, in vista della prima partita del girone di ritorno, sarà costretto a gestire un’emergenza in mediana a causa della lunga lista di indisponibilità. Nella gara di andata i titolari a centrocampo erano: Strootman e Marin al centro, mentre sulle fasce Nandez e Dalbert. Di questi quattro in vista della prossima giornata rimane solo il rumeno, che ritorna a calcare il terreno di gioco dopo la squalifica scontata contro la Juventus. L’uruguaiano invece, dopo un capodanno passato a dover badare ai guai giudiziari, si ritrova a far fronte anche alla positività al Covid. La lista degli assenti non si limita solo all’olandese (convalescente dall’operazione al ginocchio) e all’esterno brasiliano (squalificato), infatti fa parte dell’elenco anche Oliva che, oltre ad essere un possibile partente, è stato trattenuto in Uruguay per problemi familiari.

Centrocampo

A causa della carenza nel reparto, le scelte saranno semplici per l’allenatore rossoblù infatti i disponibili saranno solamente Marin, Deiola e Grassi. Il ritorno del rumeno è sicuramente la prima bella notizia, dopo l’arrivo di Lovato, che si sente in casa Cagliari. L’ex Ajax al momento è il secondo giocatore di movimento per minuti giocati in stagione tra le file rossoblù (1613’), secondo solo a Joao Pedro (1809’). Finora il numero 8 sardo è stato il più prolifico della squadra per passaggi chiave effettuati (30) e 7° nella classifica globale della Serie A, a pari merito con Cuadrado e Malinovsky. Un ritorno che dà maggiori garanzie, non solo tecnicamente, ma anche sotto l’aspetto della mentalità, fattore da non sottovalutare quando ci si ritrova a dover affrontare uno scontro salvezza con gli uomini contati.

Andrea Olmeo

 

Al bar dello sport

4 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti