Primavera gagliarda!

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Un ottimo Cagliari sfiora il colpaccio a Frattamaggiore contro il Napoli: Doratiotto e Lella rimontano la doppietta di Gaetano, ma ai punti i rossoblù avrebbero meritato qualcosa di più.

Di seguito il tabellino e le pagelle di oggi:

NAPOLI-CAGLIARI 2-2
Marcatori: 39′ Gaetano (N) 52’Doratiotto (C) 71′ Gaetano (N) 73’Lella (C)

Ammoniti: Lella (C), Marongiu (C)

Napoli: Idasiak, Zanoli, Zedadka (90′ Sapoeretti), Mamas,Manzi, Esposito, Mezzoni, Lovisa (74’Micillo) ,Palmieri (74’Micillo), Gaetano, Sgarbi (61’Negro) A disp. D’Andrea, Guido Piai, Casella,Perini, Calvano, D’Alessandro, Iluminato, Marino: Roberto Baronio

Cagliari: Cabras, Porru, Aly, Boccia, Marongiu, Carboni, Lella (85’Peresutti), Ladinetti, Verde (90′ Gagliano), Lombardo (45’Contini), Doratiotto A disp.: Daga, Kouadio, Ingrosso, Camara, Dore, Marigosu All.: Max Canzi

Arbitro: Moriconi di Roma

LE PAGELLE

CABRAS 6,5 – Doppio miracolo al 15’, prima su Mezzoni e, soprattutto, sul tiro a botta sicura di Gaetano. Non irreprensibile sul vantaggio del numero 10 partenopeo, molto fortunato oltre che abile nel saltare tutta la difesa rossoblù. Graziato da Palmieri al 50’, quasi arriva sul rigore del solito Gaetano.
PORRU 6 – Ormai padrone dell’out destro difensivo, tiene bene la posizione provando più volte a farsi vedere in avanti. Autore del fallo da rigore al 72’, ma il replay non chiarisce se il tocco ci sia davvero.
BOCCIA 6 – Bene fino al 43’, poi affonda, come tutto il reparto difensivo, sull’azione personale di Gaetano. Nella ripresa torna sui livelli iniziali, tenendo botta sulle avanzate dei padroni di casa.
CARBONI 6 – Come il compagno di reparto, anche lui è uno dei birilli saltati da Gaetano in occasione del vantaggio. Anche lui si riprende con il passare dei minuti, tenendo in piedi il fortino difensivo rossoblù.
ALY 6 – La sfida con l’ala Mezzoni è una costante di tutta la gara, passata in gran parte a dover difendere. Bello il cross al 40’ per Doratiotto, che però spreca.
MARONGIU 6 – Consueto organizzatore di gioco davanti alla difesa, il “volante” rossoblù tiene bene la posizione e fa ripartire sempre l’azione dei suoi. Magari non mediatico come l’avversario Mamas, ma svolge diligentemente il suo compito.
LADINETTI 6,5 – Prestazione solida per la mezzala cagliaritana, che sfiora il 2-3 al 77’ con una bella volée mancina su cui Idasiak risponde presente. Cresce di intensità nella ripresa. Sul finale di gara prova a lasciare il segno con un colpo di testa, ma il portiere avversario gli dice ancora di no.
LELLA 6,5 – Dopo una gara di sacrificio, trova il 2-2 con una magnifica girata di destro, con il rasoterra incrociato che non lascia scampo a Idasiak. Esce stremato nel finale (dall’87’ PERESSUTTI sv).
LOMBARDI 5 – Non si vede tanto nel primo tempo, dove si scambia spesso posizione con Lella. Non rientra in campo nella ripresa (dal 46’ CONTINI 6 – Va vicinissimo al 2-2 al 72’, il suo ingresso crea più di un fastidio alla difesa azzurra).
DORATIOTTO 6,5 – Ha sui piedi al 40’ l’occasione per sbloccare il risultato, ma si incarta un po’ e si fa ipnotizzare da Idasiak. Sul capovolgimento di fronte, Gaetano trova l’1-0. Si rifà, alla grandissima, al 56’ con la punizione dal limite che dà il pareggio ai suoi. Capitano e leader rossoblù, Canzi non vuole rinunciarvi e fa bene.
VERDE 6 – Ogni volta che ha il pallone tra i piedi è un pericolo per la difesa di Baronio. All’11’ mette due volte i brividi al Napoli, prima con una botta da 35 metri, poi con un bel tiro a giro. Non trova il sesto gol consecutivo, ma è sempre presente in zona gol (dal 91’ GAGLIANO sv).

CANZI 7 – Il suo Cagliari è ormai una bella certezza del Primavera 1. Zero punti di riferimento agli avversari, un bomber vero come Verde davanti e tanta organizzazione. Tanto che il 2-2 di oggi sta stretto ai rossoblù, puniti due volte dall’implacabile Gaetano. Pur senza grossi investimenti come accade in altre realtà, la truppa cagliaritana sta dimostrando di poter essere la mina vagante del torneo e, cosa non da poco, di potersela giocare su ogni terreno.

Francesco Aresu