agenzia-garau-centotrentuno
cagliari-verona-godin-sanna-centotrentuno

Cagliari, Godín tiene duro: “Non ho ricevuto nessuna offerta”

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Il caso dell’estate rossoblù è senza dubbio quello che riguarda il futuro di Diego Godín. Tante le dichiarazioni incrociate mentre resta lo stallo senza che ancora si sia trovato il bandolo della matassa.

bianchi-immobiliare-centotrentuno

Intrigo
I fatti sono chiari, almeno secondo le parole dei protagonisti, dal Faraone al direttore sportivo Capozucca fino al presidente Giulini. Godín vuole restare in Sardegna e onorare il contratto, il Cagliari ha detto apertamente a più riprese che l’ingaggio è troppo oneroso per le casse del club. Nel frattempo il capitano della nazionale uruguaiana si gode le vacanze nel suo Paese dopo aver disputato la Copa America in Brasile e nelle ultime ore è stato parecchio attivo su più fronti. Una visita alla selezione Under 15 della Celeste, la rivelazione della sua presenza tra i personaggi di un libro per ragazzi scritto dall’ex calciatore Daniel Baldi (un passato anche al Treviso) e soprattutto la partecipazione al programma “2 de punta” nella piattaforma uruguaiana “Otra Cabeza”.

Nessuna offerta
Godín, tra gli altri argomenti, ha anche parlato nuovamente della situazione complicata tra lui e il Cagliari. “Ho un altro anno di contratto più uno ulteriore sul quale decido io”, queste le parole del Faraone, “la prossima settimana torno in Sardegna per il precampionato, tornerò con Nahitan”.
“Il presidente ha detto che vivono una grande difficoltà economica e che tutti i giocatori per i quali arrivano offerte sono sul mercato” ha aggiunto Godín, “hanno ricevuto un’offerta dalla Russia due-tre settimane fa, un’altra dalla Turchia, ma a me non ha chiamato nessuno, non ho ricevuto proposte direttamente, ho la testa nel Cagliari e questa è la verità dei fatti”. Non è poi mancato un riferimento a Nández: “A Nahitan sta succedendo lo stesso, è arrivata un’offerta e la stanno valutando. Il Cagliari non vorrebbe vendere nessuno, ma sfortunatamente con tutta la situazione economica, gli stadi, l’assenza di abbonamenti, le società piccole devono cedere”

Un nuovo capitolo di una vicenda che sicuramente terrà ancora banco nelle prossime settimane. Un braccio si ferro tra il Cagliari e Godín, da un lato la società rossoblù che vorrebbe liberarsi del centrale difensivo e del suo ingaggio da 3,5 milioni netti, dall’altra il calciatore che vuole tenere fede all’accordo firmato nel settembre del 2020. La soluzione potrebbe essere un adeguamento al ribasso, ma al momento non ci sono evoluzioni positive su questo fronte. Godín punta al ritorno in Sardegna dalle vacanze, resta da capire se si andrà allo scontro o se, al contrario, si riuscirà a trovare una soluzione in breve tempo.

Matteo Zizola

 

Al bar dello sport

48 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
sandy-sardinia-spiagge-sardegna