agenzia-garau-centotrentuno
Sergio "Bobo" Gori e Gigi Riva

Cagliari, parla Gori: “Servono giocatori con fame e non i nomi per salvarsi”

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram
eclipse-cagliari

Sulle pagine de La Gazzetta dello Sport è intervenuto lo storico ex rossoblù “Bobo” Gori per parlare del momento complicato in Serie A della squadra isolana di Mazzarri e per dire la sua sulle eventuali mosse future dal fare per uscire dalla crisi.

Sulle colpe del momento

Vedo una squadra forte come nomi e un presidente che ha fatto tanti investimenti, – dice Gori al quotidiano – non vorrei però che ci fossero troppi grilli parlanti nell’ambiente vicino a Giulini, specie procuratori e agenti. Deve andare avanti per la sua strada. In più per alcuni calciatori abituati ad altri obiettivi ora non sarà facile lottare nuovamente per la salvezza“. E poi su Mazzarri: “Sicuramente, è un tecnico di esperienza. Dieci gare sono poche per guardare alla classifica ma dieci gare sono tante se guardiamo al passato del Cagliari, che da anni ormai fatica ad uscire da questa negatività“.

Mercato di gennaio

Nel mercato invernale servirà una rivoluzione per uscire da questa situazione? Magari cedendo una pedina preziosa come Nandez per fare più acquisti? “Per salvarsi non sempre c’è bisogno del nome, servono giocatori che hanno fame. Avrebbe senso vendere un giocatore importante per fare mercato. Però andrebbero presi calciatori con voglia e abituati alle fatiche della lotta salvezza. A volte è solo questione di obiettivi comuni tra club e giocatori“.

La Redazione

 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti