Ragnar Klavan | Foto Alessandro Sanna

Cagliari, si ferma Klavan: a Verona emergenza in difesa

Tra Covid e infortuni, Di Francesco potrebbe avere più di un problema domenica nel reparto arretrato dopo l’affaticamento al retto femorale accusato dal 35enne estone.

“La fortuna è cieca, ma la sfiga ci vede benissimo”. Con questo aforisma di Roberto Freak Antoni, compianto leader degli Skiantos, si potrebbe descrivere il momento attualmente vissuto dal Cagliari di Eusebio Di Francesco. Con quella di Ounas sono cinque le positività al Covid (oltre Godin, Simeone, Nandez e Pereiro), che priveranno il tecnico rossoblù di almeno quattro titolari anche nella difficile trasferta di Verona contro i gialloblù di Juric. Ma le brutte notizie non sono finite, perché anche Ragnar Klavan è in forte dubbio dopo l’affaticamento al retto femorale che lo ha tenuto a riposo nella seduta di oggi. L’estone, protagonista dell’episodio che ha causato il rigore e conseguente pareggio nell’ultima gara contro lo Spezia, era stato scelto da DiFra per sostituire Godin, in attesa del recupero del capitano della Celeste. Qualche passaggio a vuoto, ma pure tanta esperienza al servizio della causa per Ragghi (come lo chiamano i compagni), che rischia però di non esserci al Bentegodi.

Qualche spiraglio in più lo danno invece le condizioni di Ceppitelli e, soprattutto, Lykogiannis: entrambi hanno svolto gran parte dell’allenamento con la squadra, con il greco che torna sempre più vicino a ritrovare quella maglia da titolare persa di recente dopo i problemi accusati in Nazionale. Ancora differenziato per il giovane angolano Zito Luvumbo, che finora non ha ancora potuto dare il suo contributo alla causa rossoblù.

La Redazione

 
1 Commento
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti