agenzia-garau-centotrentuno

Cagliari | Venezia in Serie A, scatta l’obbligo di riscatto per Altare

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram
sardares
sardares
signorino
sardares

È il Venezia di Paolo Vanoli l’ultima promossa in Serie A. I lagunari hanno superato nella finale playoff la Cremonese di Stroppa garantendosi così la possibilità di fare compagnia a Como e Parma nel terzetto che giocherà il prossimo massimo campionato italiano: dopo lo 0-0 dell’andata, i veneti hanno battuto 1-0 i grigiorossi con il gol del danese Gytkjaer nel primo tempo.

Seconda gioia consecutiva via playoff per gli ex Cagliari Giorgio Altare e Nunzio Lella che ancora una volta conquistano la promozione in Serie A, dopo la magica notte del San Nicola di Bari di un anno fa: “Abbiamo fatto una stagione spettacolare, siamo riusciti a fare qualcosa di incredibile insieme al nostro dodicesimo uomo, il pubblico- ha commentato a Sky Sport il centrale-. Sono due promozioni che mi rimarranno per sempre, non è facile vincerne due su due ma è nel mio DNA da bergamasco, mai mollare”. Una promozione che avrà un riscontro diretto anche sulle casse della squadra rossoblù: sulla cessione in prestito del difensore cresciuto nel Genoa, vigeva infatti una clausola di riscatto obbligatorio al raggiungimento di determinate condizioni, tra cui la promozione in Serie A del Venezia. Altare è entrato negli ultimi 10′ della gara del Penzo contro la Cremonese al posto di Sverko, aiutando i suoi a difendere la preziosa rete segnata nel primo tempo da Gytkjaer che è diventato il terzo giocatore della storia della Serie B a segnare in due finali play-off dopo Gianluca Lapadula e Elvis Abbruscato.

Il filo conduttore al Venezia potrebbe non essere concluso, visto che uno dei candidati del dopo Ranieri è Paolo Vanoli, con il direttore sportivo veneto Antonelli che ha commentato così nel pre partita a Dazn sul tecnico: “Ci fa piacere che abbia delle sirene, vuol dire che è stato fatto un grande lavoro sia da parte sua che da parte della società. I discorsi sul futuro li rimandiamo a domani”. Il tecnico intervistato a fine partita ha commentato così sul futuro a Sky Sport: “Ora lasciatemi divertire, mi voglio godere questa promozione. In questo anno e mezzo non ho avuto tempo di respirare, oggi mi voglio godere e ringraziare questi tifosi”.

La Redazione

Notifiche
Avvisami se ci sono
guest
27 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti